in

Inter, i contratti fanno paura: salutare Lautaro per blindare Lukaku?

I rinnovi iniziano a farsi sentire in casa Inter, soprattutto tra gli attaccanti: Lukaku è pronto a giurare amore, Lautaro Martinez ai saluti?

Romelu Lukaku e Lautaro Martinez (Inter) @Image Sport
Romelu Lukaku e Lautaro Martinez (Inter) @Image Sport

Lukaku-Inter: One Love

L’unico ad aver fatto dormire sonni tranquilli in casa Inter, sia in campo che fuori. La stagione nerazzurra, iniziata col tricolore cucito sul petto, si porta dietro diversi strascichi dell’annata precedente. Il sacrificio finanziario richiesto a giocatori e staff, l’addio di Antonio Conte, la cessione di Hakimi e adesso il caso Lautaro Martinez. Lui però è non ha mai creato problemi, Romelu Lukaku è stato per l’Inter il principale rimedio contro il mal di testa provocato dalle vicende extra campo.

[irp]

Da Euro 2020 all’arrivo nel ritiro di Appiano Gentile, Big Rom non ha mai vacillato. Per l’Inter ha sempre rappresentato il faro della squadra, un leader apparentemente silenzioso, ma che nel momento del bisogno sa farsi sentire eccome. Da Conte a Inzaghi la sua centralità nel progetto non è mai stata messa in discussione, anzi. Romelu è chiamato a prendersi ancora di più la squadra sulle spalle, in particolare nelle prime uscite, quando ci sarà un’inevitabile fase di adattamento al nuovo sistema. Il suo contratto è a lunga scadenza (2024), e l’amore tra lui e l’Inter è sempre più forte.

Lukaku e Lautaro Martinez (Inter) @Image Sport
Lukaku e Lautaro Martinez (Inter) @Image Sport

Toro scatenato

Il solito Arsenal di mezzo, e l’Atletico Madrid con aspirazioni sempre più grandi. Sembrano queste le squadre interessate a Lautaro Martinez, col Barcellona che rimarrebbe più defilato, in particolare dopo gli acquisti di Aguero e Depay. Il Toro avrebbe già rifiutato un primo assalto del club londinese, penalizzato dalla mancanza di Champions League e da un progetto poco chiaro. La Spagna potrebbe essere un’ipotesi ben più gradita, in particolare dopo le difficoltà del rinnovo.

[irp]

Un contratto in scadenza nel 2023 e delle richieste importanti, quasi proibitive, visto il periodo attuale. Ragion per cui l’Inter inizia a valutare una possibile cessione, a prezzi quasi proibitivi. 90 milioni la richiesta dei nerazzurri, 70 la base di partenza, sotto la quale non ci si siede neanche a parlare. Un altro anno di convivenza forzata risulterebbe alquanto pericoloso, la situazione sembra ormai ben definita: rinnovo o cessione.

Simone Inzaghi, allenatore dell'Inter
Simone Inzaghi, allenatore dell’Inter

Piano B o prima scelta?

Tanti i nomi fatti fin qui, dai giovani Scamacca e Raspadori all’esperienza di Luis Muriel. Tutti profili che inizialmente erano stati pensati come valori aggiunti, più che come veri e propri sostituti del numero 10 argentino. Con l’arrivo di Simone Inzaghi, e gli ultimi sviluppi di mercato, il nome che circola dalle parti di Porta Nuova sembra essere soltanto uno: Joaquin Correa. La situazione del Tucu ricalca per certi versi quella di Lautaro Martinez, fatta eccezione per il discorso relativo alla scadenza del contratto (2024).

[irp]

Che il giocatore abbia voglia di una ventata d’aria nuova non è più un mistero, che Simone Inzaghi lo apprezzi ancora meno. I tre anni di Correa alla Lazio sono andati costantemente in crescendo, in particolare nell’ultimo finale di stagione dove il giocatore ha messo a segno 5 gol nelle ultime 7 partite disputate. La valutazione fatta dal presidente Lotito è alta, altro punto in comune con Lautaro. La sensazione è che, qualora il Toro decidesse di terminare anzitempo la sua avventura con l’Inter, Simone Inzaghi abbia già scelto il suo uomo di fiducia.