in

Inter, il futuro è giovane: Dimarco torna alla base

Federico Dimarco
Federico Dimarco, terzino dell'Inter

La proprietà Suning continua a trattare con il fondo londinese Bc Partners per poter fronteggiare le imminenti scadenze che ammontano a circa 200 milioni, e la scarsa liquidità delle casse nerazzurre bloccano le operazioni di mercato. In estate Dimarco torna a Milano, ma osservati speciali sono anche Agoume e Pirola.

Mentre l’Inter di Antonio Conte vola al primo posto in classifica trovando autostima e compattezza, lo stesso non si può dire del futuro societario dell’Inter che rimane del tutto incerto. Bc Partners e Zhang continuano a dialogare ma i tempi per trovare un accordo stringono. Tutto ciò si ripercuote, ovviamente, anche sul fronte mercato. A gennaio, l’Inter non ha effettuato nessuna cessione nè alcun acquisto per rinforzare una rosa che, comunque, vanta ottimi elementi. L’intenzione del club meneghino è quella di adottare una “linea verde” aggiungendo alla squadra elementi giovani e funzionali. A tal proposito, il ds Marotta monitora attentamente i giovani nerazzurri in prestito che potrebbero tornare alla base in estate. Federico Dimarco, attualmente all’Hellas Verona, quasi certamente, farà ritorno ad Appiano Gentile.

Federico Dimarco, ex difensore del Parma
Calciomercato Torino, Dimarco può arrivare in prestito con diritto di riscatto

Inter, Dimarco stupisce: Conte lo attende

Che di potenziale ne avesse, era già noto, ma il classe ’97 Federico Dimarco, alla corte di Ivan Juric, sta disputando una stagione al di sopra di qualunque aspettativa. Antonio Conte l’ha già allenato ma, nel gennaio 2020, l’Inter decise di mandarlo all’Hellas Verona. L’esterno a tutta fascia è diventato uno dei migliori del nostro campionato: 3 gol e 5 assist in 21 gare di campionato per l’ex nerazzurro che adesso è rientrato anche tra la lista dei probabili convocati del ct della Nazionale italiana, Roberto Mancini.

Sul quotidiano Tuttosport si legge: “Il Verona lo ha ripreso a settembre in prestito con diritto di riscatto fissali a 6 milioni, l’Inter vanta un contro-riscatto in suo favore di poco superiore: se a gennaio Perisic fosse partito, Marotta e Ausilio sarebbero andati subito dal Verona a chiederlo indietro. Ora lo faranno in estate, quando terminerà il contratto di Young: Dimarco, fra l’altro, essendo cresciuto nel vivaio nerazzurro riempirebbe una casella importante nella prossima lista Uefa”. Altri due nerazzurri monitorati (seppur stiano trovando meno spazio) sono Lucien Agoume, attualmente allo Spezia e puntato dal Bayern Monaco, e Lorenzo Pirola che milita nel Monza.

Convertitori: il modo più semplice per estrarre l'audio dai video di YouTube e convertirlo in file MP3

Convertitori: il modo più semplice per estrarre l’audio dai video di YouTube e convertirlo in file MP3

Beppe Marotta, amministratore delegato dell'Inter @Image Sport

Inter, Kolarov non convince: Marotta valuta la soluzione low cost