in

Inter-Juventus: Allegri cerca l’aggancio, Inzaghi il riscatto dopo il K.O. con la Lazio

Questa sera andrà in scena il big match tra Inter e Juventus, Inzaghi cerca il riscatto dopo la sconfitta per 3-1 contro la Lazio, mentre Allegri cerca la 7ª vittoria consecutiva

Inzaghi (Inter) e Allegri (Juventus)
Inzaghi (Inter) e Allegri (Juventus)

Inter, match del riscatto per Simone Inzaghi

Questa sera, nella 10ª giornata di Serie A, andrà in scena il big match tra Inter e Juventus, una delle sfide più attese da ogni tifoso, nonché uno dei match simbolo della rivalità in Italia. I nerazzurri arrivano a questa sfida dopo una convincente vittoria contro lo Sheriff Tiraspol in Champions League per 3-1, che ha permesso loro di rientrare nella corsa alla qualificazione agli ottavi di finale.


Scarica la nostra App



Leggi anche:


Adesso, il tecnico nerazzurro Simone Inzaghi cerca il riscatto dopo la sconfitta subita nel precedente turno di campionato contro la Lazio per 3-1, match nel quale i nerazzurri, che erano andati in vantaggio al 12′ con un rigore segnato da Ivan Perišić, sembravano essere in controllo della partita e prossimi al raddoppio; il rigore segnato al 64′ da Ciro Immobile ha cambiato l’inerzia del match, con i biancocelesti che hanno ribaltato il risultato.

Ma si sa, ogni match ha una sua storia ed i nerazzurri, forti dell’entusiasmante vittoria in Champions League e del sostegno dei propri tifosi a San Siro, proveranno a scardinare la difesa della Juventus,  apparsa in fiducia, dal momento che ha mantenuto la porta inviolata negli ultimi 4 match. Inzaghi, in conferenza stampa, non ha nascosto che una vittoria contro i bianconeri vale più di 3 punti: “Una partita del genere ti dà una spinta che va oltre i tre punti, la Juventus è una rivale storica. Sappiamo il valore della partita e dovremo essere bravi a farla nostra cercando di esprimere il nostro solito calcio ed essendo equilibrati“.

Juventus, Allegri cerca l’aggancio in classifica

Così se da una parte l’Inter cerca la vittoria del riscatto, che ricaccerebbe indietro in classifica i rivali di sempre, la Juventus proverà a vincere per agganciare la squadra di Inzaghi, al momento terza in classifica con 17 punti, 3 in più dei bianconeri.

La Vecchia Signora, che dopo l’addio di Cristiano Ronaldo ha vissuto un periodo di assestamento con risultati al di sotto delle aspettative, sembra in netta ripresa: Allegri, che ha sempre fatto della difesa il suo punto di forza, pare stia riuscendo ad imprimere la propria idea di gioco alla squadra, che nelle uscite recenti non ha presentato disattenzioni difensive, come successo nelle prime giornate di campionato, riuscendo a vincere, con la filosofia del “corto muso“, gli ultimi 4 match in tutte le competizioni per 1-0.

Filosofie decisamente diverse per i due allenatori, con Simone Inzaghi che predilige un gioco propositivo, accettando anche il rischio di subire goal; al contrario, Allegri pone molta ttenzione alla fase difensiva, per poi cercare delle ripartenze, avendo in squadra diversi calciatori di qualità ed abili a  a bucare a campo aperto le difese avversarie: “Giocare a San Siro contro l’Inter davanti a 60mila spettatori dovrà essere una bellissima serata. L’importante è che sia una bella serata anche per noi. Sono sfide stimolanti, belle da vivere” ha detto Allegri in conferenza stampa; allora, ancora una volta, la sfida è lanciata: InterJuventus, che vinca la migliore.