in

Inter-Juventus, derby d’Italia tricolore: quanti duelli a San Siro

Stasera andrà in scena allo stadio San Siro il derby d’Italia fra Inter e Juventus: una grande sfida ricca di confronti diretti tra i giocatori più importanti, molti dei quali sono italiani

Federico Chiesa, attaccante della Juventus @Image Sport
Federico Chiesa, attaccante della Juventus @Image Sport

Il gigante contro il capitano

Stasera alle 20:45 la nona giornata di Serie A si chiuderà in bellezza con il big match fra Inter e Juventus. Il derby d’Italia sarà come di consueto caratterizzato da numerosi duelli individuali fra i giocatori di maggior importanza delle due squadre: uno dei più significativi e probabilmente tra i più decisivi per le sorti di questa partita sarà quello tra Edin Dzeko e Giorgio Chiellini.


Scarica la nostra App


 


Leggi anche:


 

L’attaccante bosniaco è perfettamente consapevole che lo aspetta una serata difficile a causa della marcatura speciale che gli sarà dedicata dal difensore italiano, il quale è quasi sempre riuscito a fermare attaccanti del calibro di Romelu Lukaku e Zlatan Ibrahimovic negli ultimi anni, ma anche il centrale dei bianconeri conosce le difficoltà nell’affrontare il centravanti bosniaco, che curiosamente ha segnato proprio contro di lui il suo primo gol nel campionato italiano, in un Roma-Juventus del 30 agosto 2015. Insomma, sarà un gran bel duello, fatto di fisicità, astuzia, senso della posizione: il gigante è pronto a sfidare il capitano e chi avrà la meglio probabilmente avrà conquistato anche i tre punti.

Giorgio Chiellini, difensore della Juventus
Giorgio Chiellini, difensore della Juventus

Il meglio del centrocampo azzurro

Spostandoci qualche metro più avanti, per la precisione nel cuore del terreno di gioco, ecco un altro confronto molto interessante: Nicolò Barella da una parte, Manuel Locatelli dall’altra. I due centrocampisti della Nazionale italiana, entrambi Campioni d’Europa da protagonisti qualche mese fa, rappresentano il presente e il futuro dei loro rispettivi club: l’ex Cagliari è ormai un pilastro della mediana nerazzurra ed è prossimo al rinnovo con tanto di fascia di capitano garantita e ampiamente meritata, l’ex Sassuolo, invece, è appena arrivato in bianconero ma si sta già rendendo protagonista con ottime prestazioni e si candida a diventare un insostituibile.

É la prima volta che i due si affrontano in un derby d’Italia e sicuramente lo spettacolo in campo non mancherà: lotteranno su ogni pallone, l’uno cercherà di saltare l’altro, ci saranno tanta corsa, molti passaggi illuminanti e tanta qualità. Attualmente, rappresentano forse il meglio che il centrocampo azzurro può offrire: il ct Mancini sarà certamente spettatore interessato di questo suggestivo duello.

Nicolò Barella, centrocampista dell'Inter @Image Sport
Nicolò Barella, centrocampista dell’Inter @Image Sport

Alta velocità sulle fasce

Chiudiamo con un focus su esterni e reparto offensivo, concentrandoci in particolare su tre frecce che potrebbero essere devastanti in questa importantissima gara: Ivan Perisic per la Beneamata, Juan Cuadrado e Federico Chiesa per la Vecchia Signora. Questo trio di giocatori può fare la differenza in qualsiasi momento, con le loro accelerazioni, i loro dribbling, i loro cross, potrebbero spaccare la partita e spostare l’inerzia della sfida da una parte o dall’altra.

I primi due giocheranno sicuramente uno di fronte all’altro, con il croato che cercherà di sfatare il tabù vittoria contro il colombiano, mentre l’italiano dovrebbe essere schierato più avanti, come seconda punta al fianco di Morata, e questo potrebbe favorirlo in zona gol. Insomma, saranno tre grandi protagonisti di questo big match, buona parte delle fortune delle loro squadre dipenderà da loro, dagli esiti dei loro duelli, che si svolgeranno ad alta velocità sulle fasce.