in

Inter, la duttilità di Nández: Inzaghi conta su di lui

L’Inter potrebbe accogliere presto il calciatore Nahitan Nández dal Cagliari, il primo rinforzo per Simone Inzaghi per puntare sempre più in alto

Naithan Nandez, centrocampista del Cagliari
Naithan Nandez, centrocampista del Cagliari

Il primo rinforzo è Nahitan Nández

L’Inter potrebbe presto regalare il primo rinforzo di livello al nuovo tecnico Simone Inzaghi. L’amministratore delegato nerazzurro Beppe Marotta, dopo aver definito le prime cessioni ed in attesa di chiuderne altre, avrebbe intensificato i contatti col Cagliari per cercare di portare a Milano il centrocampista Nahitan Nández.

Secondo quanto riportato da La Gazzetta dello Sport, domani la dirigenza nerazzurra dovrebbe incontrare il presidente del Cagliari Tommaso Giulini e Pablo Bentancur, agente del centrocampista uruguaiano, per cercare di arrivare alla cosiddetta fumata bianca sulla base di un prestito oneroso con diritto di riscatto: operazione che favorirebbe il trasferimento dei centrocampisti nerazzurri Radja Nainggolan e Lucien Agoumé al Cagliari.

Sullo stesso argomento
Inter, Ramadani offre Pjanic: tutto dipende da Brozovic

Il centrocampista classe 1995 Nahitan Nández è arrivato in Sardegna nel 2019 dopo due ottime stagioni con il Boca Juniors, con il quale ha vinto la Primera División argentina e la Supercopa Argentina; dotato di un’ottima visione di gioco ed un buon tiro dalla distanza è in grado di ricoprire, all’occorrenza, diversi ruoli del centrocampo: da trequartista a regista basso davanti alla difesa, ma può anche ricoprire il ruolo d’esterno destro o sinistro.

Non è ancora chiaro come il tecnico nerazzurro pensi di impiegare il calciatore, probabilmente sarà determinante l’eventuale arrivo a Milano dell’esterno destro dell’Arsenal Héctor Bellerín, per il quale Beppe Marotta continuerebbe a negoziare per arrivare ad un accordo su una base di prestito con diritto di riscatto, che al momento non convincerebbe il club inglese.

Simone Inzaghi, nuovo allenatore dell'Inter
Simone Inzaghi, nuovo allenatore dell’Inter

Gli obiettivi dell’Inter

Gli attuali campioni d’Italia sono chiamati a difendere lo scudetto conquistato nella passata stagione con Antonio Conte e a migliorare il percorso in Champions League, dopo le uscite ai gironi nelle ultime tre partecipazioni consecutive; obiettivi confermati anche dal tecnico Simone Inzaghi nella conferenza stampa del 7 luglio. Nonostante il modulo scelto dal nuovo allenatore sia lo stesso utilizzato dall’ex tecnico Antonio Conte, ovvero il 3-5-2, la sensazione è che nelle intenzioni di Inzaghi ci sia una squadra che crei molte occasioni da rete e più a trazione offensiva rispetto a quella di Conte, che invece faceva della difesa blindata e dello strapotere fisico del centravanti Romelu Lukaku il suo punto di forza. Per questo, sarà importante avere in squadra diversi giocatori di qualità che possano far rifiatare i titolari, tenuto conto anche dei tanti impegni della prossima stagione.

Sullo stesso argomento
Inter, Lukaku-Lautaro per vincere ancora: si riparte dalla coppia scudetto

Se dovesse saltare l’operazione per l’esterno destro Hector Bellerín, Nahitan Nández diventerebbe probabilmente il padrone della fascia destra; altrimenti, l’uruguaiano data la sua duttilità potrebbe essere un rinforzo di estrema qualità da impiegare a seconda delle necessità della squadra. Certamente, la prossima stagione di Serie A, che comincerà il 21 agosto, regalerà diverse sorprese e sarà interessante conoscere lo stile di gioco che i nuovi tecnici delle varie squadre proveranno ad imprimere: dal ritorno di Massimiliano Allegri alla Juventus, all’arrivo rispettivamente di José Mourinho, Maurizio Sarri e Luciano Spalletti sulle panchine di Roma, Lazio e Napoli ed i già collaudati Gian Piero Gasperini all’Atalanta e Stefano Pioli al Milan, l’impressione è che non ci sia una chiara favorita per la lotta allo Scudetto e bisognerà attendere i primi riscontri dal campo.

Cosa ne pensi?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *