Inter, Luigi Sartor in ESCLUSIVA: “Conte puoi farcela. CR7 o il Fenomeno, il vero Ronaldo? Non ho dubbi..”

Una carriera vissuta da “gregario“, come si è autodefinito, ma sempre nella squadra giusta al momento giusto. Luigi Sartor può affermare di aver vinto tre Coppe Uefa con tre diverse squadre. Le giovanili nel Padova, l’esordio da vincente con la Juventus, poi Reggiana e Vicenza e infine l’Inter e l’indimenticabile stagione 1997-1998. Il duttile ex difensore nerazzurro ha scavato nel passato, affrontando il rapporto con Gigi Simoni, gli allenamenti e le partite con Ronaldo il Fenomeno e la finale di Parigi vissuta dalla panchina, non senza qualche rimpianto. Poi il Parma e un altro indimenticabile trionfo europeo: Veròn, Crespo, Chiesa, Cannavaro, Thuram, Buffon e la Coppa Uefa 1999.

Durante la sua avventura da professionista, Sartor ha avuto l’onore di condividere campo e spogliatoio con fuoriclasse del calibro di Roberto Baggio, Alessandro Del Piero e Francesco Totti e ci ha raccontato in esclusiva chi è stato il migliore secondo lui. La sua carriera prosegue tra Roma, Ancona e Genova e si conclude con la vicenda legata al calcio-scommesse: un avvenimento che gli ha letteralmente “distrutto la vita”. Luigi Sartor si è raccontato in esclusiva ai microfoni di TuttoInter24.it, ripercorrendo un po’ le tappe della sua carriera da calciatore. Un tuffo nel passato, con riferimenti al presente e al futuro del calcio italiano e della Nazionale. Di questo e molto altro ha parlato il tre volte vincitore della Coppa Uefa. >>> CONTINUA A LEGGERE SU TUTTOINTER24.IT

NOTIZIE PER TE

Marcello Lippi dice addio: “Non farò più l’allenatore. La Juventus in Champions?”

E' stato l'ultimo allenatore ad aver vinto la Coppa del Mondo con la nazionale italiana, Marcello Lippi si racconta ai microfoni di Radio Sportiva annunciando anche un futuro mai...

Champions League, il riscatto delle italiane parte dall’Europa

Molti tifosi e amanti del calcio saranno rimasti incollati al televisore per il ritorno della Champions League. Le quattro italiane, chiamate sul palcoscenico più importante, venivano da prestazioni in...

Inter, Conte non ci siamo: Shakhtar già decisivo

Dopo la sconfitta nel Derby contro il Milan, l'Inter incassa un'altra batosta inaspettata. E' vero, il punto strappato grazie all'ennesima ottima prestazione di Romelu Lukaku, lascia tutto ancora aperto...