in

Inter, Lukaku elogia Conte: “Combatterei fino alla morte per lui”

L’attaccante nerazzurro ha recentemente parlato del suo rapporto con Antonio Conte e della vittoria dello scudetto

Romelu Lukaku, attaccante dell'Inter @Image Sport
Romelu Lukaku, attaccante dell'Inter @Image Sport

Uno dei grandi protagonisti dello scudetto dell’Inter è stato senza dubbio Romelu Lukaku. L’attaccante belga ai microfoni de ‘La Tribune’ ha elogiato l’operato di Antonio Conte affermando quanto la figura del tecnico salentino sia stata determinante per la crescita delle sue prestazioni: Combatterei fino alla morte per lui. Non ci fu la possibilità di lavorare insieme al Chelsea, ma ho sempre pensato che dopo aver lasciato il Manchester United con lui sarei migliorato davvero. Mi ha detto chiaramente: ‘Se non lavori in allenamento, non giocherai’. In carriera è sempre fondamentale incontrare persone sincere nei tuoi confronti: è capitato a campioni come Eto’o, Drogba, Henry”.

L’attaccante nerazzurro ha poi analizzato l’incredibile stagione culminata con il trionfo in campionato: “Pensavo ‘ora o mai più’. In carriera si possono segnare 500 gol, ma se alla fine non si vince è tutto inutile. Sono anche migliorato spalle alla porta grazie ad una macchina che in allenamento mi spara palloni e io devo smistarle ai compagni. Ho pensato che sarebbe stato bello uscire in macchina e sono felice di averlo fatto: sono contento per tutti gli interisti del mondo, ma anche per la squadra, il mister, la società, il presidente. È la stagione più bella mia carriera: spero di aprire un ciclo con l’Inter“.

Leao, attaccante del Milan

Milan, da Theo Hernandez a Leao: Pioli paga la poca costanza

Maksimovic difensore del Napoli

Calciomercato Napoli, addio Maksimovic: Giuntoli pesca dall’Atletico Madrid