in

Inter, Marotta: “Sogno la seconda stella. Conte? Meglio un allenatore bravo che costa tanto…”

L’amministratore delegato dell’Inter Beppe Marotta ha rilasciato le prime dichiarazioni post-scudetto. Il dirigente nerazzurro ha esaltato le qualità del tecnico Antonio Conte e il grande cammino in campionato della squadra

Beppe Marotta, amministratore delegato dell'Inter @Image Sport
Beppe Marotta, amministratore delegato dell'Inter @Image Sport

L’Ad dell’Inter Beppe Marotta, intervenuto ai microfoni di Sky Sport, ha analizzato la splendida stagione del club nerazzurro, culminata con la vittoria del 19° scudetto della storia. L’ex dirigente della Juventus ha elogiato l’operato di Antonio Conte, spiegando la propria filosofia nella scelta del tecnico salentino: “L‘exploit dell’attuale stagione dipende da quella precedente. Il successo in campionato con quattro giornate di anticipo è merito del grande lavoro fatto dalla squadra, più che dei demeriti degli avversari. Ci sono in palio altri 12 punti, in caso di altre quattro vittorie l’Inter chiuderebbe il campionato a 94 punti, a dimostrazione del passo importante del team rispetto alla concorrenza. La Juventus ha avuto i suoi problemi, ma anche le altre sono rimaste distanziate”.

CONTE “E’ stato un giocatore di successo, sta facendo bene anche da allenatore ed è riuscito a trasmettere ai ragazzi i valori che hanno sempre contraddistinto la sua carriera. Ad eccezione di Vidal nessuno di loro aveva vinto il titolo, ora il sogno sarebbe confermarsi il prossimo anno e conquistare la seconda stella“.

FILOSOFIA ALLENATORE13 milioni di Conte? La retribuzione di Conte rispecchia il suo palmares, meglio prendere un allenatore bravo che costa tanto piuttosto che un giocatore di qualità e un allenatore scarso. Noi avevamo Spalletti che era un ottimo allenatore e ho proposto alla dirigenza Conte perchè secondo me poteva diventare il tecnico giusto al momento giusto per riportare al vertice questa squadra.”

Antonio Conte, tecnico dell'Inter

Scudetto all’Inter, Conte esulta: “E’ uno dei successi più importanti della mia carriera”

Alessandro Antonello, CEO Corporate dell'Inter

Inter, CEO Antonello: “Scudetto? Emozione unica e speciale”