in

Inter, rivincita Conte: terminate le polemiche?

Antonio Conte pian piano si sta riprendendo delle belle rivincite nei confronti delle numerose critiche rivoltegli nella prima parte di stagione, in cui l’Inter sembrava molto in difficoltà.

Antonio Conte, tecnico dell'Inter
Antonio Conte, tecnico dell'Inter @Image Sport

Antonio Conte è stato uno degli uomini più discussi in questo campionato, ma al momento sembrerebbe che la situazione si stia ribaltando, con il tecnico salentino che si sta prendendo pian piano le sua rivincita, nonostante le numerose critiche nei suoi confronti. L’allenatore dell’Inter è sempre stato abituato a forti malcontenti nei suoi riguardi, ma è sempre stato capace di rigettarli al mittente, ottenendo ottimi risultati sul campo e portando a casa qualche trofeo nella carriera in panchina. Si sapeva sin dall’inizio che il suo volto affiancato a quello della Beneamata avrebbe potuto far scompigliare gli animi della tifoseria interista, con i media che spesso e volentieri hanno provato ad inserire il dito nella piaga.

Dopo il raggiungimento della vetta in campionato e il successo nel Derby, le polemiche sembrano essere terminate nei confronti di Conte: perché alla fine si sa, per accontentare il tifoso medio o lo pseudo giornalista di turno basta vincere, non importa come. Il tecnico salentino, con pazienza e con il duro lavoro ha saputo accantonare le critiche e portare avanti la squadra con carattere, rivitalizzando anche uno spento Eriksen, con il quale non si erano creati piacevoli rapporti, visto il poco utilizzo del giocatore.

Antonio Conte (Inter)
Antonio Conte, tecnico dell’Inter @Image Sport

Inter, Conte vince ma il gioco non cambia: polemiche inutili?

La dimostrazione che le polemiche nei confronti di Antonio Conte fossero inutili sta proprio in un video pubblicato dal tecnico su Instagram, dove mette a confronto le due azioni, una che ha portato al goal contro il Milan nell’ultimo Derby, e un’altra contro il Barcellona l’anno scorso. Se si è dei buoni osservatori si capisce che sono pressoché identiche, in cui la squadra è riuscita a smarcarsi perfettamente dalla pressione avversaria per andare al tiro. Insomma, il gioco dell’allenatore salentino è cambiato poco, ed è normale che i risultati non si vedano all’istante, nonostante la stagione passata non sia andata proprio male.

Il gioco della Beneamata, come ha voluto far intendere l’allenatore, è un misto tra tiki taka veloce per trovare immediatamente lo spazio per verticalizzare e concludere l’azione. Molto dipende dagli interpreti, ed aver trovato una collocazione a Christian Eriksen non può far che aumentare il livello qualitativo della squadra. Bastava avere fiducia in mister Conte, che ha sempre dato l’anima e tutto se stesso per la squadra, nonostante ad inizio stagione abbia sofferto, ma anche a causa delle numerose assenze. Ora l’Inter ha trovato retta via e procede spedita verso l’obiettivo scudetto e non ha intenzione di fermarsi, con Lautaro e Lukaku che stanno realizzando numeri da capogiro.

Luis Suarez attaccante dell'Atletico Madrid

Atletico Madrid-Chelsea, formazioni ufficiali: Giroud sfida Suarez

Erling Haaland attaccante del Borussia Dortmund. La Juventus ci pensa

Sogno Juventus, Raiola: “Haaland? In dieci possono permetterselo”