in

Inter, segnali positivi per Conte: quanti gol “nerazzurri” con le Nazionali

Antonio Conte, allenatore dell'Inter @imagephotoagency
Antonio Conte, allenatore dell'Inter @imagephotoagency

L’Inter si prepara al tour de force che fino a dicembre la vedrà impegnata ogni tre giorni. Il tecnico Antonio Conte, come tutto l’ambiente interista lo sanno, c’è un trend troppo sottotono per gli standard societari e per gli obiettivi prefissati ad inizio stagione.
Le notizie dal mondo però permettono almeno in parte di sorridere. Tante reti e anche diverse ottime prestazioni, a dimostrazione che la rosa dell’Inter è ampia e soprattutto di valore.

Inter segnali positivi: dal Sud America arrivano i gol

Particolarmente positivo il ritorno in patria del guerriero. Arturo Vidal sembra averci preso gusto e non volersi più fermare. Dopo la prestazione da leader arricchita con una doppietta decisiva nel 2-0 contro il Perù, il centrocampista dell’Inter è andato ancora a segno contro il Venezuela, nonostante non sia riuscito ad evitare la sconfitta.
Sempre contro il Perù arriva il gol anche per Lautaro Martinez. Il Toro dopo Madrid e Bergamo trova un altro gol fondamentale per mettere ulteriore benzina al serbatoio.

Ulteriori buone notizie arrivano dalla Nazionale under 21. Il giovane nazionale azzurro, Andrea Pinamonti, entrato al secondo tempo della penultima sfida di qualificazione agli Europei di categoria, è riuscito a trovare la rete contro il Lussemburgo. Una rete importante ai fini del risultato, ma sembra iniezione di fiducia per il ritorno a Milano. Uniche note negative dall’Africa. Achraf Hakimi, impiegato nel ruolo di ala del tridente offensivo nella partita del suo Marocco contro la Repubblica Centroafricana, nei 78′ in campo ha prodotto pochi spunti degni di nota e una rissa sfiorata a inizio gara dopo un brutto intervento ai suoi danni di Salif Keita.

Romelu Lukaku, attaccante dell'Inter e del Belgio
Romelu Lukaku, attaccante dell’Inter e del Belgio

Inter segnali positivi: Eriksen e Lukaku scontro tra opposti

L’oggetto misterioso del mercato di riparazione 2019 interista, Christian Eriksen, e l’uomo simbolo, Romelu Lukaku, si sfideranno questa sera nell’ultimo scontro di Nations League per decidere chi raggiungerà le Final four.

Se il gigante belga sembra essersi ripreso dall’infortunio recente (assist per lui contro l’Inghilterra nei 90′ giocati), Eriksen sembra essere a suo agio ad ogni ritorno in Danimarca. E lo ha ribadito con la doppietta che ha permesso ai danesi di sconfiggere l’Islanda e la possibilità di giocarsi la qualificazione con i minatori. Purtroppo però i sogni dell‘ex-Spurs si sono infranti proprio contro il collega che ha trascinato il Belgio con una doppietta, inutile il gol del momentaneo 1-1 di Wind.

Vota Articolo

471 points
Upvote Downvote
Francesco Totti, ex capitano della Roma

Francesco Totti continua ad amare la sua Roma… da lontano per ora

Fabio Paratici, CFO della Juventus

Calciomercato Juventus, Paratici pesca ancora dall’Ajax: accordo ad un passo