Zé Elias, ex centrocampista dell'Inter
in

Inter, Zè Elias in ESCLUSIVA: “Scudetto? Derby decisivo, è la vittoria del gruppo”

Intervenuto in esclusiva ai nostri microfoni l’ex calciatore dell’Inter Zè Elias ha commentato la vittoria del 19° scudetto della storia nerazzurra

Zè Elias in ESCLUSIVA: “Derby momento chiave. Scudetto vittoria del gruppo”

L’ex centrocampista brasiliano Zè Elias, che ha vestito la maglia dell’Inter per due anni dal 1997 al 1999, è intervenuto in esclusiva ai nostri microfoni per commentare la vittoria del 19° scudetto della storia nerazzurra targato Antonio Conte che mette fine al ciclo Juventus, lo stesso a cui l’allenatore pugliese aveva dato vita dieci anni fa.

Undici anni dopo l’ultima volta l’Inter è tornata a vincere il campionato. Quale crede sia stato il momento chiave della stagione nerazzurra?

La stagione dell’Inter, anche per via delle coppe, ha avuto tantissimi alti e bassi. Dal momento in cui sono riusciti a trovare la giusta concentrazione e la giusta intensità hanno aumentato sempre di più il loro distacco. La partita decisiva penso sia stata quella contro il Milan, alla 23° giornata di campionato, dopo la vittoria nel derby lo spogliatoio ha assunto molta fiducia, in seguito Conte ha fatto il resto”.

Marotta e Conte vincono, sempre. Sono state le persone decisive per questo scudetto?

“Non credo che siano stati loro gli uomini in più, entrambi fanno il proprio lavoro ma se in seguito i giocatori non mettono in campo quello che dovrebbero quanto svolto da Conte e Marotta perde di significato. E’ stato un lavoro di gruppo, hanno trovato il giusto equilibrio restando uniti fino ad arrivare allo scudetto”.

Quali crede siano stati i giocatori più importanti della stagione nerazzurra?

“Ci sono tantissimi giocatori che si sono rivelati importanti, sicuramente Lukaku e Lautaro hanno attirato maggiore attenzione per i goal, però gli stessi Brozovic e Handanovic, come tanti altri, hanno dato il proprio contributo per vincere”.

Esultanza Inter @Image Sport

Inter, festa scudetto: la gioia non rende immuni, rischio aumento contagi

Edin Džeko, attaccante della Roma @Image Sport

Roma, il rigore di Dzeko simbolo del fallimento stagionale