in

Inter, Zhang: allenatore al primo posto. Anche Spalletti lo era…

Zhang non mette in discussione l’allenatore che, però, non è il primo ad aver ricevuto questo trattamento…

Steven Zhang, Presidente dell'Inter
Steven Zhang, Presidente dell'Inter

Si va avanti con Conte. Steven Zhang, forse dall’alto dei soldi spesi e di quelli che dovrà spendere, sembra dettare la linea della continuità tecnica. Il tecnico salentino, al momento, non si discute e il piano B, stavolta quello di Zhang, è uguale al piano A. Nessun dubbio, nessuna esitazione anche perchè la paura di perdere denaro è forte, fortissima e Conte, per diversi motivi, rappresenta la scelta più giusta. Forse, anche quella più sensata. La squadra è stata costruita a sua immagine e somiglianza, tant’è vero che, ormai, i bersagli delle dichiarazioni dell’ex allenatore del Chelsea sono i giornalisti e la società che non lo difenderebbe abbastanza.

Antonio Conte, allenatore dell'Inter @imagephotoagency
Antonio Conte, allenatore dell’Inter @imagephotoagency

Il tecnico, quindi, è la garanzia. Conte è sinonimo ci continuità e di credibilità che l’Inter cerca e ha cercato per anni. Il problema? Tutto questo lo era anche Spalletti. Gli attestati di stima, in casa Inter, ci perdoneranno gli scaramantici e i superstiziosi, sembrano portare sfortuna ad una società che continua ad investire su allenatori e giocatori ma che non sembra mai trovare la quadra giusta per vincere. Zhang mantiene salda la sua posizione e il suo pensiero sul tecnico che, almeno lui, non ritiene giusto venga messa in discussione.

Si continua con Conte, quindi, e la fiducia arriva direttamente dalla proprietà. Il legame fra il tecnico e la presidenza è saldo, saldissimo e lo stesso incontro estivo di Villa Bellini aveva inviato i primi segnali alla dirigenza che, secondo Calciomercato.com, complice qualche accusa di troppo, avrebbe fatto un passo oltre Conte. L’incubo, però, che la situazione concludersi come successo con Spalletti non può far star tranquillo Conte che ora è chiamato a vincere lo Scudetto per essere sicuro di meritarsi la fiducia e la stima di tutti. Anche dei più scettici.