Italia-Albania 2-1, le pagelle: Barella indomabile, Dimarco distratto

Prima vittoria per l'Italia di Spalletti ad Euro 2024 che, con il risultato di 2-1 batte l'Albania: Bastoni e Barella regalano autostima agli azzurri, anche dopo l'inizio horror con Federico Dimarco

Francesca Rofrano A cura di Francesca Rofrano AlbaniaItaliaCampionato Europeo

Vittoria di valore ed importante per l’Italia di Luciano Spalletti che, con il risultato di 2-1, ha portato a casa i primi tre punti per il girone B, vincendo contro l’Albania.

La partita si è aperta con un clamoroso errore di Federico Dimarco che per un errore di valutazione su rimessa laterale, regala a Bajrami il gol del momentaneo 0-1, mettendolo a tu per tu con Alessandro Bastoni, trovatosi impreparato. Ma il gol all’11’ di Bastoni su pennellata di Pellegrini rianima gli azzurri, che neanche 5 minuti dopo raddoppiano con il gran gol di Barella, senza ombra di dubbio il migliore in campo. Gestione invece per tutto il secondo tempo e che regala fiducia e autostima agli azzurri.

Le pagelle dell’Italia

  • Donnarumma 7: Partita iniziata male per via del gol di Bajrami, ma la colpa non è certamente la sua. Parata super su Manaj a pochi minuti dalla fine
  • Di Lorenzo 6.5: Un po’ in difficoltà nella prima parte della gara, ma poi prende il ritmo e si rende importante soprattutto in fase di possesso, dando sostegno alla manovra azzurra.
  • Bastoni 7: Impreparato sull’errore del compagno, Bastoni ha dato al via alle marcature italiane. Giocatore che continua a dimostrare la sua leadership in campo e di grande personalità.
  • Calafiori 6+: Scelta rischiosa per Spalletti, ma Calafiori è riuscito a ripagare la fiducia con grande intensità, tenendo sotto controllo anche Broja. Ingenuità sui minuti finali su Manaj.
  • Dimarco 5.5: L’errore a pochi secondi dall’inizio della partita è purtroppo imperdonabile ed è questo che macchia la sua prestazione. A lui il merito di non essersi abbattuto e di aver dato comunque sostegno alla squadra, innescando anche il gol di Barella.
  • Jorginho 7: Il compagno di reparto gli ruba la scena, ma la sua esperienza su questi campi lo rende sempre un elemento indispensabile per gli azzurri. Prestazione più di sostanza.
  • Barella 8: Senza dubbio il migliore in campo. Barella dimostra di essere il perno della formazione azzurra. Grinta, carattere, corsa e intelligenza tattica. In azzurro poi esce il goleador che è in lui.
  • Frattesi 6.5: Fa fatica a prendere le misure a centrocampo, ma poi prende coraggio e scheggia anche il palo
  • Pellegrini 7.5: Importante in tutte le fasi di gioco. Non certamente timido, pennella sul gol di Bastoni.
  • Chiesa 7.5: A destra o a sinistra, Chiesa diventa indomabile per gli esterni dell’Albania. Corre sulla fascia, ma gli manca il gol per certificare la prestazione.
  • Scamacca 6.5: Più nel primo tempo che nel secondo. Scamacca fa più lavoro di sponda piuttosto che di vertice ultimo della formazione azzurra.
Si Parla di: