in

Italia, Barella e Berardi firmano il riscatto: ora testa alla Svizzera

Magra consolazione per l’Italia che batte il Belgio nella finalina di Nations League e ricomincia a contare il totale di risultati utili conquistati in attesa del fondamentale impegno contro la Svizzera

Roberto Mancini, Ct dell'Italia @Image Sport
Roberto Mancini, Ct dell'Italia @Image Sport

L’amara sconfitta contro la Spagna di Luis Enrique in semifinale di Nations League hanno solo momentaneamente riportato alla luce i brutti momenti di cinque anni fa, e precisamente della mancata qualificazione al Mondiale in Russia. L’Italia e tutti gli italiani dovevano archiviare il passo falso, dimenticarlo, renderlo storia: insomma, ci voleva una reazione. Immediata. Lotta, sacrificio, forza di volontà: il giusto mix che spinge i campioni d’Europa e tutto il pubblico “amico” presente all’Allianz Stadium di Torino a trovare i due gol di Barella, prima, e Berardi poi per condannare il Belgio al quarto posto nella seconda edizione della suddetta competizione.

L’ultimo atto

L’Italia esce a testa alta, non altissima dopo la meravigliosa favola scritta e vissuta in territorio inglese tre mesi fa. L’Italia esce però con tante certezze, con tante conferme, tra tutte quella di essere un gruppo forte e coeso, caratteristiche necessarie anzi fondamentali al ct Mancini per continuare a lavorare nel modo giusto sognando il Qatar e quel Mondiale che gli Azzurri sono pronti a difendere con il coltello tra i denti. Nel mirino ora c’è la Svizzera: la sua vittoria per 2-0 contro l’Irlanda del Nord ha un po’ rovinato la festa della nostra Nazionale che ora  resta capolista nel Gruppo C, ma a solo 3 lunghezze di distanza proprio dalla Svizzera e dai suoi 11 punti. Sarà fondamentale lo scontro diretto del 12 novembre per arrivare con più tranquillità all’ultima tappa, quella del 15 novembre, contro un’ormai spacciata Irlanda del Nord.


Leggi anche:


L’Italia riparte da 1

I 37 risultati utili consecutivi della corazzata azzurra del ct marchigiano Roberto Mancini sono ormai un dolce, ma lontano ricordo. La cosa positiva è che i tifosi italiani hanno subito visto quella reazione che permette di iniziare di nuovo a contare, gli Azzurri vincono meritatamente contro il Belgio e registrano il primo risultato utile post vittoria del titolo europeo. Nella speranza che si possa bissare e superare il nostro stesso record, l’obiettivo primario ora è e dev’essere strappare il pass che ci permetta di essere al Mondiale.