in

Italia bella a metà: a questa Nazionale manca un bomber

Italia-Olanda 1-1: a Pellegrini risponde Van de Beek @imagephotoagency
Italia-Olanda 1-1: a Pellegrini risponde Van de Beek @imagephotoagency

Il turno di Nations League finisce qui. Questa pausa per le Nazionali ha dato diversi verdetti importanti, uno su tutti, visti gli zero contagi nel gruppo squadra, è che il nostro protocollo per fronteggiare il Covid-19 è uno dei migliori d’Europa. L’altro aspetto positivo è che l’Italia sembra finalmente una squadra importante armoniosa e bella, capace di mettere in difficoltà tutti gli avversari e, continuando su questo passo, non può far altro che crescere. Potremmo essere la sorpresa dei prossimi europei, potremmo essere l’incognita che in pochi riescono a prevedere ma c’è ancora da migliorare. Siamo belli, l’abbiamo detto, il gioco è armonioso e la squadra in campo si muove talmente bene che sembra non abbia mai smesso di allenarsi agli ordini di Roberto Mancini.

Siamo belli ma siamo poco efficaci. Non concretizziamo quanto creiamo e questo, nel calcio moderno, è certamente il più grande dei difetti. In totale controtendenza con quanto dice la nostra storia, non riusciamo a buttarla dentro e rischiamo spesso e volentieri di buttare al vento partite dominate. La gara di ieri, contro l’Olanda, e quella di domenica, contro la Polonia, sono il chiaro esempio di due partite condotte molto bene ma che senza cinismo e senza cattiveria agonistica difficilmente possiamo portarci a casa. I 6 gol fatti alla Moldavia ci avevano involontariamente illuso, la strada verso l’Europeo è ancora lunga, motivo per cui sarebbe consigliabile cercare soluzioni alternative in attacco.

Italia, il gol è un problema ma non ci sono colpevoli

Tante occasioni e pochi gol. Detta così, questa sindrome barocca di poca concretezza, sarebbe tutta da accollare ad un reparto avanzato che certamente potrebbe fare di più ma dal quale non ci si può aspettare di meglio. Mancini, però, sa bene cosa significa non avere un ottimo rapporto con la Nazionale e chi meglio di lui può spiegare ad Immobile che prima o poi i gol arriveranno. Il problema vero, però, è che questi discorsi si facevano già un paio d’anni fa e che, dopo una stagione da 36 gol in campionato, si pensava ad una svolta. E invece nulla.

Qualche colpa ce l’ha anche Mancini? Forse sì, perchè Immobile non può non essere la prima scelta e non possono essergli preferiti giocatori come Caputo e Belotti che, esattamente come l’attaccante della Lazio, non sono nè LewandowskiSuarez. Una mancanza che l’Italia Mancini dovranno cercare di sopperire attraverso il bel gioco. Esattamente come l’arte barocca, siamo una perla grezza ed incompleta a cui basta un importante e, allo stesso tempo insignificante, particolare per diventare bellissima. La natura è natura e a questa Nazionale manca un vero bomber.

What do you think?

749 points
Upvote Downvote

Comments

Lascia un commento

Loading…

0
Donnarumma (Italia)

Italia-Olanda 1-1, Donnarumma: “Occasioni mancate, vogliamo vincerle tutte”

Lucas Martinez Quarta, difensore argentino del River Plate

Fiorentina, atteso in Italia Martinez Quarta