in

Italia, Mancini sfida la Repubblica Ceca verso Euro 2021

La sfida amichevole in programma questa sera tra Italia e Repubblica Ceca scoglierà gli ultimi dubbi per Roberto Mancini, che ad una settimana esatta dall’inizio di Euro 2021 dovrà chiarire la sua formazione tipo

Roberto Mancini, Ct dell'Italia @Image Sport
Roberto Mancini, Ct dell'Italia @Image Sport

Italia, simulazione pre-esame

Il giudizio vive radicato in ogni prova che la vita pone di fronte. Il segreto di un giudizio è saperne fare tesoro, apportando le migliorie necessarie per puntare ogni giorno più in alto. Roberto Mancini di prove e giudizi ne ha affrontati tanti, ma viverli dall’altra parte della barricata porta con sé un grosso quantitativo di responsabilità. Il suo giudizio dovrà darlo questa sera, quando la Repubblica Ceca affronterà un’Italia da costruire in vista di Euro 2021.

Mancini giunge al test con la consapevolezza di aver scelto i 26 studenti migliori, quelli capaci – sulla carta – di offrire le garanzie necessarie per il superamento dell’esame a pieni voti. Al grande esame manca ancora una settimana ed il CT vuole vederci chiaro. L’incognita vive nascosta dietro l’angolo, ed una simulazione pre-esame potrà soltanto dare le risposte su quali saranno gli 11 studenti da schierare nella prima prova.

Jorginho, centrocampista del Chelsea e della Nazionale
Jorginho, centrocampista del Chelsea e della Nazionale

Italia, i probabili undici

Il professor Mancini, in una classe di 26 studenti, dovrà dunque scegliere gli 11 più pronti per il test contro la Repubblica Ceca. Quelli che avranno studiato di più saranno messi alla prova nel 4-3-3 a cui il CT non ha mai rinunciato. Uno schema rodato che gli studenti hanno imparato a conoscere, ma che dovrà fronteggiarsi con un avversario intenzionato a non regalare la sufficienza seppur sia l’interrogazione di fine anno. Anche per l’avversario, infatti, gli Azzurri sono un test importante in proiezione Euro 2021 ed è imperativo uscirne indenni.

La certezza di Mancini parte dal primo banco, dove Donnarumma ha totalizzato una media voto sufficiente per essere annoverato tra i meritevoli. In seconda fila siederanno Florenzi, Bonucci, Chiellini e Spinazzola: un anno difficile per i due centrali, tra assenze giustificate e voti non sempre all’altezza. Meglio gli esterni, con Florenzi che ha potuto assaporare l’ebbrezza dell’erasmus in Francia. Al centro i cervelli della classe: Barella, Jorginho, Locatelli. Anno super per i tre della fila centrale, che avranno il compito di passare le risposte giuste ai tre dell’ultima fila: Berardi, Immobile, Insigne. Il professor Mancini ha dunque deciso lo schieramento per la simulazione in vista della prova di maturità, dove le risposte saranno fondamentali.

Sullo stesso argomento  Italia, Chiellini: "Cresciamo di partita in partita, sull'infortunio..."
Giacomo Raspadori, attaccante dell'Italia e del Sassuolo @imagephotoagency

Inter-Raspadori, affare possibile: Inzaghi la chiave

Kouamé attaccante della Fiorentina

Torino, Kouamé o Simeone: Juric chiede un attaccante