in

Juventus, calvario Dybala: Ronaldo pensaci tu

La Juventus aspetta Dybala e intanto si aspetta una scossa da Cristiano Ronaldo, in ombra nelle ultime uscite.

Cristiano Ronaldo, attaccante della Juventus
Cristiano Ronaldo, attaccante della Juventus @imagephotoagency

Il calvario di Paulo Dybala non sembra avere fine. L’attaccante argentino della Juventus, come affermato dallo stesso Andrea Pirlo in conferenza, non è ancora pronto a scendere in campo. Per JuventusCrotone di questa sera, il numero 10 non figura nemmeno tra i convocati, è ancora troppo forte il dolore al ginocchio per poter giocare.

L’assenza di Dybala e la contemporanea scarsa condizione di Morata, debilitato da un virus che ne avrebbe minato le difese immunitarie, portandolo poi allo svenimento post Porto-Juventus, collocano tutto il peso dell’attacco bianconero sulle larghe spalle di Cristiano Ronaldo. L’asso portoghese, a secco da tre partite, vuole ritrovare la via del gol e trascinare la propria squadra ad un successo fondamentale per non perdere ulteriore contatto dall’Inter capolista di Serie A.

Assenza Dybala si fa sentire: la Juventus ha bisogno del miglior Ronaldo

L’apporto pressoché nullo per lo sfortunatissimo Paulo Dybala ha inciso decisamente sulla stagione della Juventus, priva di un rifinitore di altissima qualità tra le linee. Troppe volte la complessa manovra bianconera si perde in un palleggio sterile e lento, a cui manca la sterzata decisiva portata dall’MVP della Serie A 2019/20. Un’assenza di qualità che ha senz’altro inficiato anche sulle prestazioni di Cristiano Ronaldo, troppo spesso solo davanti a tirare il carro per tutti.

Da un tale campione i tifosi si aspettano di più di quanto visto in queste ultime uscite, in particolare a Porto, dove il portoghese è parso a tratti svogliato e nervoso, non in grado di incidere quanto ci si aspetterebbe. Juventus-Crotone di questa sera sarà la prima di una serie di partite sulla carta favorevoli da portare a casa, per inseguire ancora il decimo Scudetto consecutivo e al contempo non chiudere le porte al sogno Champions League. Con Cristiano Ronaldo dalla propria parte tutto è possibile, ma lui stesso in primis dovrà tornare ad essere quello di sempre, il quale sappiamo benissimo non essere quello visto recentemente.

UEFA, a marzo si approva la nuova Champions League

Esultanza Lazio @Image Sport

Lazio-Bayern Monaco, probabile formazione: ballottaggio in difesa per Inzaghi