in

Juventus, caro Pirlo devi scegliere: Scudetto o transizione? Mercoledì il Barcellona, ma una vittoria…

Juventus, caro Pirlo devi scegliere: Scudetto o transizione? Mercoledì il Barcellona, ma una vittoria...
Paulo Dybala attaccante della Juventus

La Juventus europea non riesce a confermarsi in campionato, ai bianconeri non basta una reazione coriacea al gol siglato dall’ex Andrea Favilli: l’Hellas Verona disputa una buona gara, si difende ottimamente e porta a casa un meritato pareggio. C’è tanto da lavorare per Andrea Pirlo che fatica a trovare continuità. Terzo incontro consecutivo in cui la Juventus subisce il vantaggio degli avversari e non riesce poi a ribaltare la situazione.

Le assenze di Cristiano Ronaldo, ChiesaAlex Sandro non costituiscono una valida giustificazione, così come il gol annullato sul finire del primo tempo ad Alvaro Morata per fuorigioco, giusto seppur millimetrico. Il centrocampo non gira, Arthur e Bernardeschi per l’ennesima volta finiscono dietro la lavagna: l’ex Fiorentina non riesce ad incidere, le sue conclusioni non impensieriscono minimamente gli estremi difensori avversari, il ragazzo dovrà ritrovare sè stesso prima o poi; il brasiliano, invece, disputa una gara anonima, le sue trame di gioco appaiono lente e prevedibili, troppo macchinoso in fase di possesso, Pirlo gradirebbe più verticalizzazioni rispetto al solito e inutile tiki taka barcelloniano.

LEGGI ANCHE

Sorprende la prova di Dybala, l’argentino gioca 95′, colpisce una traversa, si procura diversi calci di punizione e nel finale sfiora a più riprese il colpo del ko. Nonostante l’ottima prestazione della Joya, la palma del migliore in campo tra le file bianconere va a Kulusevski non solo per aver realizzato il gol del pareggio di pregevole fattura, ma per aver cambiato letteralmente il volto del match. Le incursioni dello svedese mandano in tilt la difesa scaligera che al triplice fischio ringrazia un sontuoso Silvestri.

Andrea Pirlo (Juventus)
Andrea Pirlo (Juventus) @Image Sport

C’è grande rammarico per non aver capitalizzato qualche occasione nel primo tempo, in cui la Juventus è apparsa troppo attendista come dichiarato ai microfoni di SkySport dal tecnico Andrea Pirlo: “Abbiamo avuto le occasioni migliori nei primi 45′, dovevamo aggredire l’avversario e invece abbiamo reagito solamente dopo aver incassato l’1-0. Possiamo fare sicuramente meglio, magari con un approccio alla gara più deciso”.

È una Juventus che non incute terrore agli avversari, troppo rinunciataria in alcune occasioni. Il distacco con le prime della classe è minimo ma qualora i bianconeri non dovessero riuscire ad invertire il prima possibile il trend negativo, potrebbe aumentare. La strada verso il decimo scudetto si fa sempre più tortuosa, l’Inter ha una rosa migliore a livello di qualità rispetto ai bianconeri, il Milan si candida nel ruolo di outsider, il Napoli visto contro l’Atalanta può dire la propria nella lotta scudetto e attenzione alla Dea. Le ultime sconfitte non devono distrarre, dal team di Gasperini possiamo aspettarci di tutto.

Dalle parti della Continassa, però, la situazione appare poco chiara. Se da una parte i tifosi si aspettano un testa a testa contro i rivali di sempre alla ricerca del tricolore numero 10, Pirlo ha in mente tutt’altro, parla di rivoluzione giovanile e di progetto a lungo termine. Il problema è che uno esclude l’altro: arriverà l’ennesimo titolo nazionale o la Juventus opterà per una stagione di transizione, rischiando seriamente di restare a mani vuote?!

Messi e Ronaldo, attaccanti di Barcellona e Juventus
Messi e Ronaldo, attaccanti di Barcellona e Juventus

Mercoledì all’Allianz arriva il Barcellona e un eventuale successo potrebbe proiettare la Vecchia Signora già verso gli ottavi di finale, visto il doppio confronto contro il Ferencvaros. Il passo falso con il Verona e quello precedente contro il Crotone insegnano che non c’è nulla di scontato, soprattutto in Europa, ma riuscire a battere Messi & Co. non solo risolleverebbe il morale dei bianconeri, ma potrebbe dare una bella iniezione di fiducia per il prosieguo della stagione.

Vota Articolo

749 points
Upvote Downvote
Karl Toto Ekambi, attaccante del Lione

Ligue 1, crisi per il Monaco: il Lione si impone 4-1

Roma, Roberto Scarnecchia: "A Pallotta è mancata la pianificazione. Florenzi? Si parla tanto di bandiere, ma..."

Milan-Roma, Roberto Scarnecchia in ESCLUSIVA: “Peccato per Smalling, finisce 3-2. Rossoneri da scudetto? Perchè no…”