Menu

Federico Chiesa, attaccante della Juventus

Juventus, Chiesa: l’uomo in più per Pirlo

Si è sempre detto che somigliasse moltissimo al padre, specie quando abbassa la testa e punta l’area di rigore, ma che abbia molti più margini di miglioramento di Enrico. Il destino, però, è simile e la mela non cade mai lontano dall’albero. Il padre andò alla Lazio nel momento più buio della storia Viola e Federico, dopo anni di tira e molla, alla fine non ha resistito ed è andato a Torino a trovare l’altro Federico, Bernardeschi, forse pentito della scelta di qualche anno fa.

Il futuro però è indecifrabile e con un Juventus ancora in piena costruzione Chiesa può emergere o rimanere una promessa. La speranza degli juventini è che la storia bianconera dell’ex viola sia diversa da quella di Bernardeschi e che i soldi investiti possa finalmente fruttare. Il salto da una squadra all’altra è di quelli importanti ma non è detto che possa essere uguale per tutti.

Baggio, ma stiamo parlando di un giocatore di un’altra categoria, non pagò lo scotto; Bernardeschi ancora oggi, invece, sta pagando con gli interessi il trasferimento e Chiesa è solo l’ultimo di una lunga dinastia. La speranza è che il futuro sia come quello di Baggio ma in fondo ai tifosi bianconeri basterebbe fosse diverso da quello di Bernardeschi. La storia parla chiaro e ora è Chiesa che è chiamato a farla. Pirlo ha pronto per lui un ruolo non ruolo, una vesta di variabile tattica che permetterebbe alla sua Juventus di cambiare volto e di farlo più volte nell’arco di una gara.

Juventus, Chiesa: quinto a centrocampo o ala in attacco

Una cosa è certa. Pirlo adesso può divertirsi. Peccato che non possa farlo da subito vista la squalifica di Chiesa ma in futuro non può che essere così. L’ex Viola è un diamante grezzo che va modellato. E’ ancora un ibrido e nulla più del calcio liquido, di pirliana profezia, potrebbe vestirlo nel migliore dei modi. I moduli nella testa dell’ex Maestro del centrocampo mondiale sono principalmente due: il 3-5-2- o il 3-4-3. In entrambi Chiesa potrebbe starci bene facendo all’occorrenza due o più ruoli.

Per molto tempo è stato relegato da compiti tattici forse troppo soffocanti per uno con il suo talento ma questo lo ha fatto crescere in maniera importante. Il ruolo di esterno di centrocampo non è proprio il suo, almeno vedendo le esperienze passate, ma a Torino, con una squadra che vuole dominare, potrebbe starci bene. La corsa, i cross e il dribbling sono il suo pane quotidiano e nel calcio moderno sappiamo quanto è importante creare sempre la superiorità numerica.

Spostarlo più avanti potrebbe essere una mossa conservativa ma aiuterebbe un ragazzo forte ed essere molto efficacie anche sotto porta, il vero difetto di Chiesa. Il gol è ciò che manca di più e ciò che lo renderebbe veramente completo. Un colpo importante, quindi, che potrebbe permettere a Pirlo di mettere veramente in atto quel calcio liquido di cui tanto si parla e si continuerà a parlare.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Ti potrebbe interessare

Back to Top

Ad Blocker Rilevato!

Il nostro è un giornale gratuito ed offriamo informazione regolarmente tutti i giorni senza richiedere alcun abbonamento. Le nostre uniche fonti di guadagno provengono dalle campagne pubblicitarie presenti sulle pagine del nostro portale. Per continuare a sfogliare le nostre pagine disattiva Ad Blocker per permetterci di continuare a coltivare le nostre passioni. Grazie mille e continua a leggere le pagine di Footballnews24.it

How to disable? Refresh

Add to Collection

No Collections

Here you'll find all collections you've created before.