Paulo Dybala attaccante della Juventus
in

Juventus, Coppa Italia-Champions League: quale sarà il futuro di Dybala?

Il rinnovo contrattuale di Paulo Dybala è strettamente legato al successo in Coppa Italia ed alla qualificazione in Champions League. Senza gli introiti derivanti dal raggiungimento di tali obiettivi la Juventus non potrebbe permettersi di soddisfare le richieste economiche del giocatore

Rinnovo di contratto in stallo

La fumata bianca riguardante il rinnovo contrattuale di Paulo Dybala con la Juventus non è destinata ad arrivare a breve. La situazione è sempre la medesima da mesi. La società bianconera avrebbe proposto all’argentino un prolungamento di contratto a 10 milioni di euro netti a stagione, ovvero 2,5 milioni di euro in più rispetto a quanto la Joya percepisce attualmente.

SEGUI TUTTE LE ULTIME NOTIZIE SULLA JUVENTUS

L’offerta del club non è ancora stata accettata dall’entourage dell’attaccante. Evidentemente quest’ultimo vorrebbe ottenere un rinnovo più cospicuo nonostante abbia sempre negato a gran voce di aver preteso uno stipendio pari a 15 milioni di euro annui. In questo momento la società piemontese – secondo quanto riportato da Tuttosport avrebbe deciso di sospendere i contatti con gli agenti del giocatore perché si starebbe concentrando unicamente sulla Coppa Italia e sulla qualificazione alla prossima Champions League.

Paulo Dybala, attaccante della Juventus @imagephotoagency
Paulo Dybala, attaccante della Juventus @imagephotoagency

Il rinnovo dipenderà dal finale di stagione

Senza il successo Coppa Italia e senza la certezza della qualificazione alla prossima Champions League, il costo del rinnovo di contratto di Dybala risulterebbe proibitivo per le casse bianconere, già pesantemente prosciugate dalla pandemia e da tre anni consecutivi di insuccessi rimediati in Europa. Ora che il numero 10 è finalmente rientrato in campo dopo tanto tempo risultando fondamentale in occasione della vittoria contro il Napoli, dovrà fare la differenza in questo finale di stagione.

A tal proposito sarà chiamato a garantire quella quantità di reti ed assist che sono tanto mancati quest’anno alla Vecchia Signora. Se il centravanti argentino dovesse contribuire a salvare un’annata particolarmente complicata, senza alcun dubbio il CFO Paratici a maggio si occuperà della sua situazione contrattuale. E presupponendo il desiderio di entrambe le parti di continuare insieme, un punto di incontro si dovrebbe trovare.

Inghilterra-Scozia, 1938

Inghilterra-Scozia 1938, la prima partita in diretta: la TV amplifica il calcio

Stefano Pioli, allenatore del Milan

Milan-Pioli, dal quasi esonero alla conferma: ecco cosa è cambiato