in

Juventus-Haaland, il retroscena di Cherubini: “È un nostro rimpianto, sarebbe stupido rispondere diversamente”

Il direttore sportivo della Juventus Federico Cherubini ha svelato un clamoroso retroscena riguardo una trattativa per l’attaccante del Borussia Dortmund Erling Braut Haaland

Federico Cherubini, Ds della Juventus
Federico Cherubini, Ds della Juventus

La Juventus 4 anni fa tentò di portare in Italia l’attaccante, oggi del Borussia Dortmund, Erling Braut Haaland. A svelarlo è il direttore sportivo bianconero Federico Cherubini durante un’intervista a Tuttosport; l’attaccante norvegese, oggi considerato uno dei più forti al mondo, nel 2017 giocava ancora nel Molde e declinò l’offerta di prestito ricevuta dalla Vecchia Signora. Queste le parole di Cherubini: “Sì, è un nostro rimpianto, sarebbe stupido dire qualcosa di diverso. Bisogna però contestualizzare le cose. Eravamo all’inizio del progetto della seconda squadra e la prospettiva che potevamo offrire ad Haaland era, ai suoi occhi, forse meno allettante perché i prestiti per uno come lui sono un deterrente“.

[irp]

Poi ha continuato: “Oggi forse saremmo attrezzati diversamente per rispondere alla domanda che ti pone un giocatore della sua età, ovvero: che prospettive ho firmando per voi? Kaio Jorge ha risposto alla nostra ricerca di un centravanti giovane da inserire in rosa come vice Morata, per esempio“.