in

Juventus, il cambio di modulo penalizza Bentancur: Pirlo rivitalizza Rabiot

Andrea Pirlo, Andrea Pirlo, nuovo allenatore della Juventus
Andrea Pirlo, nuovo allenatore della Juventus

“Chi ben comincia, è a metà dell’opera” diceva Orazio, ma ovviamente questo non è il caso della Juventus. I bianconeri si trovano al quinto posto, con 13 punti, insieme all’Atalanta. 3 vittorie e 4 pareggi nelle prime sette giornate di campionato, un inizio non male, anche se il tecnico Andrea Pirlo farebbe bene a preoccuparsi.

È vero, non è arrivata nessuna sconfitta, ma la Vecchia Signora ha evidenziato alcune lacune soprattutto nella zona centrale del campo, l’anello debole dei Campioni d’Italia in carica negli ultimi anni. L’unica nota positiva per Il Maestro è la rinascita di Adrien Rabiot, irriconoscibile Rodrigo Bentancur, troppo altalenante per il momento l’ex Barcellona Arthur.

MERCATO INNOVATIVO – Lo Chief Football Officer della Juventus, Fabio Paratici, la scorsa estate, ha puntato su un mercato rivoluzionario, basato principalmente sui giovani A centrocampo però le cose continuano a non funzionare. Arthur e Weston McKennie sono due dei nuovi acquisti estivi della società bianconera, ma in 4 partite su 7 nel massimo campionato, nessuno è riuscito a trovare la via del goal.

Il tempo farà capire se questi nuovi e giovani innesti saranno utili per risollevare le sorti di questa squadra. Certo, le scelte spettano sempre all’allenatore ma, le gerarchie all’interno della squadra, non sembrano ancora essere definite. L’ex centrocampista del Barcellona si è messo in mostra a sprazzi, mentre il calciatore statunitense, arrivato dallo Schalke 04, ha disputato una buona gara contro la Sampdoria nell’esordio stagionale e si è comportato bene anche contro lo Spezia, servendo a Morata l’assist del momentaneo 1-0.

LEGGI ANCHE  Calciomercato, Donnarumma alla Juventus? Ronaldo consiglia Paratici

Adrien Rabiot, centrocampista della Juventus @imagephotoagency

RINASCITA RABIOT – Oltre ai due giovani acquisti, una menzione importante va anche ad Adrien Rabiot. Il francese, nella scorsa stagione, sembrava molto sottotono e non riusciva ad imporsi mentre, in questo campionato, sta facendo vedere il suo talento in ogni partita tanto da diventare uno dei pilastri nello scacchiere di Andrea Pirlo.

LEGGI ANCHE  Bruno Cirillo in ESCLUSIVA: "Scudetto? Inter o Juventus, ma occhio al Milan"

URUGUAIANO IN DIFFICOLTA’ – Dalla Francia passiamo all’Uruguay per parlare di Rodrigo Bentancur: il numero 30 bianconero, infatti, è stato uno dei protagonisti durante l’era Maurizio Sarri, mentre ora sembra un pò in difficoltà dopo la nuova gestione. Sicuramente, a far si che queste difficoltà arrivassero, è stato il cambio di modulo attutato da Pirlo: da un centrocampo a 3 si è passati a quello a 2.

LEGGI ANCHE  Calciomercato, i migliori calciatori in scadenza: da Balotelli a Milik, quante occasioni a gennaio!
Rodrigo Bentancur, centrocampista della Juventus
Rodrigo Bentancur, centrocampista della Juventus

SOLUZIONE? – Serve tempo all’allenatore e ai giocatori che dovranno cercare di adattarsi il prima possibile alle nuove tattiche di gioco di Pirlo. Il mercato di riparazione potrebbe dare una mano ai bianconeri, anche se raramente abbiamo assistito a grandi colpi nell’asta di gennaio. Nelle gare contro Spezia, Ferencvaros e Lazio si è intravisto qualcosina di quello che potrebbe essere la nuova filosofia di gioco della Juventus. Ovviamente, il centrocampo va risistemato, ma la sensazione è che la squadra bianconera sia sulla buona strada, forse la prossima volta sarebbe meglio archiviare prima il match, per evitare una nuova beffa nei minuti di recupero.

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Loading…

0

Vota Articolo

599 points
Upvote Downvote
Calcio per amicizia: annunciata la data di lancia del gioco Football for Friendship World

Calcio per amicizia: annunciata la data di lancia del gioco Football for Friendship World

Caicedo e Correa, attaccanti della Lazio

Lazio, il Paradiso riconquistato: Caicedo e Correa trascinano Simone Inzaghi