in

Juventus, il mese di Ronaldo: non c’è due senza tre…

Cristiano Ronaldo, attaccante della Juventus @Image Sport
Cristiano Ronaldo, attaccante della Juventus @Image Sport

Ronaldo nella gara di ritorno sarà chiamato agli straordinari. Il risultato dovrebbe essere quello minimo per vincere ma questa Juve deve fare il massimo per ottenerlo.


Scarica la nostra App


Atletico Madrid e Lione hanno svegliato il fenomeno, ma non può dipendere tutto da lui

Ora entra nel vivo il mese di Cristiano Ronaldo. Il mese in cui il portoghese, dopo un letargo neanche troppo profondo, deve mostrare a tutti il perchè di quello stipendio faraonico e il motivo per il quale la Juventus lo ha acquistato dal Real Madrid. Il suo feeling con la competizione più importante e bella d’Europa è ormai una certezza ma la Juventus, da qualche hanno a questa parte, con le pessime gare di andata degli ottavi di finali, ha sempre deciso di mettere alla prova il portoghese. Con l’Atletico Madrid di Simoene, nell’ultimo anno della gestione Allegri, le cose andarono alla grande e tutti ci ricordiamo il “Viva il Re” di Caressa al terzo gol di Ronaldo. Una reazione giustificata da un’impresa che la Juventus, senza un giocatore del genere, forse, non si sarebbe potuta permettere.

Ronaldo
Cristiano Ronaldo, attaccante della Juventus nella gara contro il Porto

La sfida con il Lione dello scorso anno, invece, andò meno bene e l’unico gol di Ronaldo non bastò per passare il turno. Ora la speranza è che il 7 possa mettere in campo un tris importante, anche se più semplice grazie al gol di Chiesa, ma non meno pesante di quello contro l’Atleti. Passare il turno vorrebbe dire tante cose: incassi, soldi e, soprattutto, zittire le critiche che stanno facendo sempre più frequenti ed importanti.

Cristiano Ronaldo e Andrea Pirlo, attaccante e allenatore della Juventus @imagephotoagency
Cristiano Ronaldo e Andrea Pirlo, attaccante e allenatore della Juventus @imagephotoagency

Ronaldo è stato comprato anche per questo, per gestire e vincere questo tipo di gare. Ma la domanda, ora, sorge spontanea: “E’ possibile che ogni anno debba andare così?” Forse sì, se a disposizione hai giocatori del genere che possono ribaltare il risultato in ogni momento; o forse no perchè le qualificazioni dovresti chiuderle prima e con meno preoccupazioni. Fatto sta che la Juventus si affida a Ronaldo per raggiungere un risultato minimo, ma che sembra più difficile di quel che direbbe la logica. Ronaldo deve tornare Re per una notte e “se non c’è due senza tre“…