in

Juventus, la rinascita di Rabiot: il francese conquista Pirlo e Deschamps

Adrien Rabiot, centrocampista della Juventus @imagephotoagency
Adrien Rabiot, centrocampista della Juventus @imagephotoagency

23 maggio 2018. I mondiali in Russia sono alle porte e una delle favorite per la vittoria finale è la Francia di Didier Deschamps. Il tecnico transalpino ha stilato la lista dei 23 che andranno alla manifestazione più importante per un calciatore, ma fra questi non c’è Adrien Rabiot, centrocampista del PSG, che viene inserito nella lista delle 11 riserve fra cui ci sono nomi altrettanto blasonati come il bomber dell’Arsenal Lacazette e il promettente attaccante del Manchester United Martial.

Una decisione che non piacque affatto al giovane francese che decise di contattare la federazione transalpina per liberarsi dalla lista riserve, venendo poi escluso dal dal giro della Nazionale Campione del Mondo. Nel club di appartenenza la situazione non era sicuramente migliore. Alcuni dicono che abbia litigato con Ibrahimovic, mentre la madre in un’intervista all’Equipe sosteneva che fosse stato il Psg a trattare male il giocatore: “Mio figlio al PSG è trattato come un ostaggio, un prigioniero. Lo multano se arriva in ritardo di cinque minuti ad una riunione di squadra mentre alcuni calciatori, da infortunati, possono andare in giro per il mondo a festeggiare il carnevale (Neymar)”. Ovviamente Rabiot viene messo fuori rosa e il giocatore finisce nel mirino delle migliori squadre europee.

Adrien Rabiot, centrocampista della Juventus @imagephotoagency
Adrien Rabiot, centrocampista della Juventus @imagephotoagency

Juventus, Rabiot: che fatica con Sarri!

Il francese, insieme alla madre, decide di accettare l’offerta di una squadra fra le più blasonate in ambito internazionale ossia la Juventus, che l’anno precedente aveva acquistato dal Real Madrid il fuoriclasse Cristiano Ronaldo. Le ambizioni del club naturalmente sono alte, come l’ingaggio di Rabiot che firma un contratto fino al 2023 con uno stipendio di 7 milioni all’anno.

L’inizio con il club di Torino non è per nulla facile, il giocatore sembra pagare la lunga inattività e fatica ad entrare negli schemi di mister Sarri. Arrivano le prime critiche da parte di tifosi e giornalisti, al punto che addirittura si parla di un suo addio imminente. Lo stop forzato del campionato aiuta però il giocatore a riprendersi sia mentalmente che fisicamente. Nel post lockdown il francese diventa titolare inamovibile nell’undici dell’ex allenatore del Napoli, trova addirittura un bellissimo gol a San Siro contro il Milan e conquista il primo scudetto in Italia, macchiato dall’eliminazione agli ottavi di Champions League contro il Lione.

LEGGI ANCHE  Calciomercato Juventus: Zaniolo felice alla Roma, ma i bianconeri ci tentano
Adrien Rabiot, centrocampista della Juventus @imagephotoagency
Adrien Rabiot, centrocampista della Juventus @imagephotoagency

Juventus, la rinascita di Rabiot conquista Pirlo e Deschamps

Dopo la batosta europea il presidente Andrea Agnelli decide di esonerare Sarri e di ingaggiare un allenatore alle prime armi ma che di centrocampo e centrocampisti se ne intende: Andrea Pirlo. Ed è proprio con il tecnico bresciano che Rabiot sembra aver ritrovato i fasti di un tempo.

LEGGI ANCHE  Juventus, Ronaldo - Morata: l’importanza del duo per i bianconeri

Messo al centro del progetto, il francese riesce ad esprimersi al meglio tanto da essere riconvocato da Deschamps in Nazionale dopo 2 anni, fornendo delle prestazioni eccelse fatte di corsa, fisicità e tecnica, candidandosi con forza ad un posto da titolare nei prossimi europei che si svolgeranno a giugno: “È cresciuto molto. Gioca alla Juventus non per caso”. Insomma per Adrien Rabiot  sembra davvero arrivato il momento di decidere se essere un panchinaro di lusso o un centrocampista completo a livello mondiale. Ed i tifosi juventini, insieme a quelli francesi, sperano decisamente nella seconda opzione.

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Loading…

0

Vota Articolo

471 points
Upvote Downvote
Sandro Tonali giocatore del Milan

Milan, Leao e Bennacer i modelli: Pioli attende Sandro Tonali

Gabriele Gravina, presidente FIGC

Serie A, Gravina: “Stop del campionato? Non c’è rischio”