in

Juventus, tamponi negativi: si conclude l’isolamento fiduciario

Andrea Pirlo, allenatore della Juventus @imagephotoagency
Andrea Pirlo, allenatore della Juventus @imagephotoagency

Dopo circa dieci giorni si conclude l’isolamento fiduciario a cui si erano sottoposti i componenti del gruppo squadra della Juventus. Infatti, a seguito dell’ultimo giro di tamponi, sono risultati tutti negativi i calciatori e lo staff e a comunicarlo, ci ha pensato la società bianconera attraverso un comunicato sul sito ufficiale: “Juventus Football Club comunica che, applicazione delle normative e dei protocolli in vigore, si è concluso oggi pomeriggio il periodo di isolamento fiduciario precedentemente comunicato che ha coinvolto 61 persone”.

Una notizia sicuramente positiva per i tifosi bianconeri che, dopo aver dovuto rinunciare a Cristiano Ronaldo e McKennie nelle ultime uscite, potranno dormire sogni tranquilli. Il portoghese e l’americano restano in quarantena sperando di tornare a disposizione di Pirlo il prima possibile. Dunque il tecnico juventino potrà preparare con più serenità il match casalingo ostico contro l’Hellas Verona.

LEGGI ANCHE

LEGGI ANCHE  Real Madrid, decisione presa: il futuro di Sergio Ramos e Luka Modric

La Juventus, dopo un avvio a rallentatore in campionato, sembra essersi risollevata in Champions League grazie alla vittoria per 2-0 sul campo della Dinamo Kiev. Il protagonista della serata europea, Alvaro Morata, dovrebbe far coppia in avanti con Dybala, anche se ulteriori dubbi di formazione verranno sciolti probabilmente dallo stesso Pirlo nella consueta conferenza stampa della vigilia. L’allenatore si augura di recuperare CR7 per la sfida di Champions di mercoledì contro il Barcellona di Leo Messi.

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Loading…

0

Vota Articolo

749 points
Upvote Downvote
Juventus, Emre Can si sfoga: "Sarri mi ha liquidato con una telefonata"

Borussia Dortmund, l’ex Juventus Emre Can positivo al Covid-19

Hauge, attaccante del Milan e della nazionale under-21 norvegese

Milan, Hauge: dall’amicizia con Haaland all’approdo in rossonero