in

Kessié-Chiellini, rinnovo ad un passo: i capitani restano al comando

Aria di rinnovi in casa Juventus e Milan, con i rispettivi capitani Giorgio Chiellini e Frank Kessié ad un passo dal prolungamento del contratto

Giorgio Chiellini, difensore della Juventus
Giorgio Chiellini, difensore della Juventus

Juventus, lunedì il Chiellini-Day

Sarà lunedì il Chiellini-Day in casa Juventus. Secondo quanto riportato da SkySport il capitano bianconero sarebbe ad un passo dal rinnovo fino al 2022 che dovrebbe prevedere una diminuzione di ingaggio dai 3,5 milioni di euro netti della scorsa stagione a 2,5. Il 27 luglio scorso il presidente Andrea Agnelli aveva già anticipato – durante la conferenza stampa di presentazione di Allegri – la situazione legata al rinnovo del difensore fresco campione d’Europa, sottolineando come la trattativa fosse ormai in dirittura d’arrivo.

[irp]

Lo stesso Chiellini, premiato dal sindaco di Livorno per la vittoria di Euro2020, ha annunciato il suo futuro: “Lunedì sarò a Torino felice di ricominciare. Sul contratto Agnelli è già stato esauriente. Voglio vincere ancora.”

Franck Kessiè (Milan) @Image Sport
Franck Kessiè (Milan) @Image Sport

Milan, Kessié vuole solo i rossoneri

In casa Milan invece tiene banco il rinnovo di contratto di Franck Kessié. Nonostante le parti siano ancora leggermente distanti da un’intesa di massima, i rossoneri e il centrocampista ivoriano sarebbero decisi a proseguire insieme oltre la scadenza del 2022. Attualmente impegnato ai Giochi di Tokyo2020 l’ex calciatore dell’Atalanta ha rilasciato nei giorni scorsi un’intervista a La Gazzetta dello Sport, in cui ha speso parole al miele per il Diavolo: “Sono orgoglioso di aver scelto il Milan e non è mia intenzione andare via. Anzi, voglio restare per sempre“.

[irp]

Dichiarazioni d’affetto che sottolineano l’intenzione del Presidente di restare a Milano ancora per diverso tempo. La fumata bianca tra le parti dovrebbe arrivare sulla base di un prolungamento di 2-3 anni da circa 6,5 milioni di euro a stagione, una via di mezzo tra l’attuale ingaggio (6 milioni) e quello richiesto dal giocatore (7 milioni).