Bundesliga, focus sulla 21° giornata: record di pareggi

Giornata di campionato davvero singolare in Germania, dove ci sono stati ben sei pareggi: non riesce ad ingranare il Borussia Dortmund, mentre il Lipsia non perde terreno e continua a inseguire il Bayern Monaco

La ventunesima giornata di Bundesliga regala emozioni davvero singolari e colpi di scena importanti: sono sette i pareggi in questo turno, più due vittorie casalinghe. La prima gara è stato l’anticipo del sabato alle ore 18:00 tra Wolfsburg e Borussia Moenchengladbach, terminato 0-0 senza particolari occasioni da entrambe le parti. Le due squadra hanno giocato una gara equilibrata, spartendosi un punto a vicenda. La squadra di casa si mantiene così al quarto posto in classifica, mentre gli ospiti arrivano a tre partite di fila senza vittorie e si piazzano al settimo posto. L’incontro tra Eintracht Francoforte e Colonia ha sancito una delle due vittorie casalinghe: il Francoforte, dopo un primo tempo piuttosto equilibrato, è andato in gol prima con Silva e poi con N’Dicka riuscendo a conquistare una importante vittoria col risultato di 2-0. Grazie a questo trionfo, l’Eintracht Francoforte aggancia il Wolfsburg a 39 punti in classifica in piena zona Champions.

La vittoria dell’Eintracht contro il Colonia

Brutta sconfitta per il Colonia che resta al quattordicesimo posto pericolosamente vicino alla zona retrocessione. La partita tra Union Berlino e Schalke 04 finisce con risultato di parità che non rende felice nessuno: 0-0 poco utile che mantiene lo Schalke all’ultimo posto in classifica solitario con soli 9 punti. L’Union Berlino resta al nono posto, perdendo l’occasione di avvicinarsi alla zona europea. Risultato di 0-0 anche tra Werder Brema e Friburgo, che non si fanno male e guadagnano un punto: il Friburgo resta ottavo, mentre il Werder undicesimo.

Bundesliga, il Borussia non c’è più: spazio al Lipsia

Pareggio pirotecnico tra Borussia Dortmund e Hoffenheim: al gol di Sancho risponde Dabbur, mentre nel secondo gli ospiti passano in vantaggio con Bebou e si fanno riprendere sul 2-2 dalla rete di Haaland. Dodicesimo posto per l’Hoffenheim, mentre il Borussia continua il suo campionato poco esaltante e si ritrova al momento al sesto posto con 33 punti. Il ciclo del magico Borussia sembra finito e i risultati sono lo specchio di una squadra senza più il mordente e la grinta degli anni passati, quando riusciva a divertirsi e a far divertire tutti.

Altro 2-2 tra Bayer Lervekusen e Mainz, un risultato maturato in una maniera abbastanza clamorosa: padroni di casa in completo controllo della gara che passano in vantaggio al quarto d’ora del primo tempo e poi siglano il 2-0 a cinque minuti dal fischio finale. In un moto d’orgoglio il Mainz sigla due gol nei minuti di recupero, agguantando un insperato risultato di parità. Pareggio anche tra Stoccarda e Herta Berlino col risultato di 1-1: le reti di Kalajdzic e Netz portano un punto a entrambe le squadre. Lo Stoccarda resta in un tranquillo decimo posto, mentre l’Herta Berlino continua a gravitare in maniera abbastanza preoccupante vicino la zona retrocessione al quindicesimo posto.

Il Lipsia allenato dal giovane tecnico Nagelsmann continua a vincere e convincere, imponendosi anche questa volta col risultato di 2-1 contro l’Augusta e continuando la sua rimonta verso il primo posto in campionato. Le reti di Dani Olmo e di Nkunku chiudono la partita già nella prima frazione, mentre gli ospiti accorciano le distanze con Caligiuri senza riuscire a trovare il pari. Il Lipsia continua a giocare un calcio propositivo e moderno, bilanciando azioni veloci e verticalizzazioni sempre degne di nota.

Nel posticipo serale il Bayern Monaco chiude la giornata con un pirotecnico 3-3 col Bielefeld: ospiti in vantaggio per 0-2 alla fine del primo tempo grazie alle reti di Vlap e Pieper, mentre nella seconda frazione accade davvero di tutto. Lewandowski accorcia le distanze, ma il gol di Gebauer riporta la sua squadra sul doppio vantaggio. Tolisso e poi Davies concludono la rimonta sul risultato finale di 3-3. Il Bayern Monaco ha forse sottovalutato l’impegno contro il Bielefeld terz’ultimo e ha dovuto passare l’intera gara a rincorrere gli avversari per rimediare ai propri errori commessi. Ora la Bundesliga entra nel vivo, con la lotta per il primo posto che non è ancora chiusa e con una lotta salvezza che si infiamma sempre di più. Le prossime giornate saranno determinanti per capire le ambizioni delle varie squadre.

Leave a Comment

Your email address will not be published.

Start typing and press Enter to search