Premier League: il West Ham domina Londra, il Fulham può credere nella salvezza

Anche questa giornata di Premier League è andata, e le sorprese non sono mancate, sempre con le dovute conferme, come il Manchester City, che sta praticamente dominando il campionato inglese dimostrando di non avere rivali. Invece dalle zone basse della classifica sta prendendo piega la rinascita del Fulham, anche se la vera protagonista di Londra in questo 2021 sembrerebbe il West Ham.

La 25° giornata di Premier League è volta al termine, anche questa volta nel campionato inglese non sono mancate le sorprese, oltre ad alcune valide conferme di questo campionato. Si potrebbero elencare varie motivazioni per spiegare come questa competizione riesca ad allietare e allo stesso tempo sconvolgere la noiosa routine del weekend: il dinamismo e i continui ribaltamenti dei risultati, spesso inaspettati, sono solo alcune delle ragioni per seguire con costanza l’andamento del campionato inglese. Tuttavia per dare adito a queste motivazioni si potrebbe semplicemente raccontare giornata per giornata le partite di Premier, proprio come ci stiamo apprestando fare. Sembrerebbe d’obbligo partire dal match più sentito di questo turno: il Derby tra Liverpool ed Everton, non l’unico di questo fine settimana.

Everton vs Liverpool: Ancelotti supera Klopp

Carlo Ancelotti (Everton) e Jurgen Klopp (Liverpool)
Carlo Ancelotti (Everton) e Jurgen Klopp (Liverpool)

La rivalità della stracittadina del Merseyside ha radici profonde, e quello che è accaduto questo sabato si potrebbe definire storico: 22 anni dopo i Toffees sono tornati alla conquista di Anfield (roccaforte dei Reds) grazie a Re Carlo e ai suoi seguaci Richarlison e Sigurdsson, protagonisti del match. Le mura della casa del Liverpool si sgretolano sempre di più a seguito di questa disfatta, mentre si propaga la crisi per Klopp con il riflesso delle acque del fiume Mersey sempre più blu, un po’ come il cielo di Rino Gaetano. Se si pensa ai big match di questa giornata non possiamo dimenticarci di Arsenal-Manchester City, la sfida tra il discepolo Arteta e il maestro Guardiola, anche se l’apprendista ha ancora tanto da imparare. I Citizens sono tornati a Manchester con altri tre punti, vincendo di misura per 0-1, chiudendo la gara ancor prima di cominciarla con Sterling, visto che i Gunners sono riusciti ben poco a impensierire De Bruyne&Co. Il City ha avuto per quasi 90’ il pieno controllo del match, con il club londinese che si è dovuto arrendere ad un’evidente superiorità, nonostante la gara non sia sta interpretata proprio male, ma per arrivare ai livelli del guardiolismo Arteta dovrà lavorare ancora tanto, forse troppo.

Frenata d’arresto per il Chelsea al St. Mary’s Stadium, il Fulham sogna la salvezza

Southampton-Chelsea 1-1

Dopo quattro vittorie di fila è arrivata la prima frenata d’arresto per il Chelsea contro il Southampton, che in seguito a sei sconfitte consecutive è riuscita a conquistare un punto importante in Premier League. La sfida del St. Mary’s Stadium ha saputo regalarci uno spettacolo decente, anche se il dominio del campo è stato nettamente a favore dei Blues, nonostante l’1-1 finale. Il goal del vantaggio di Minamino per i Saints è stato un duro colpo, essendo arrivato alla prima occasione creata dai padroni di casa, anche se gli ospiti hanno saputo reagire trovando il pari grazie alla rete di Mount realizzata su calcio di rigore. Il Chelsea ha sicuramente assunto un altro volto dopo l’arrivo di Tuchel, e sicuramente avrebbe meritato di vincere anche quest’ultima gara, ma l’ottima prova di resistenza degli uomini Hasenhuttl ha fatto sì che la posta in palio venisse divisa con un punto ciascuno. Attualmente i Blues distano a sole due lunghezze dalla Champions, mentre il Southampton naviga nel bel mezzo della classifica a causa della discontinuità di questi ultimi mesi.

Nel mezzo troviamo anche il Wolverhampton che è riuscito a spuntarla per 1-0 contro il Leeds con l’autogoal di Meslier nel Friday night, sorpassando di un punto gli stessi in campionato: ora le sconfitte iniziano ad essere troppe per Bielsa, che dovrà affrontare proprio i Saints nel prossimo turno, anche loro galvanizzati dall’ultimo pareggio e in cerca di una svolta. Nei bassi fondi troviamo la sfida tra Burnely e West Bromwich, conclusasi con uno spento 0-0, confermando le gravi difficoltà nel trovare la rete per entrambe le squadre, rispettivamente secondo e terzo peggiore attacco del campionato, con soli 18 e 19 goal all’attivo. Sempre nelle zone basse vediamo una piccola rinascita del Fulham, uscito con tre punti anche in questo weekend, dopo aver dominato per 90’ contro lo Sheffield, portando a casa una vittoria meritata per 1-0 firmata da Lookman. Ora i Cottagers possono credere davvero nel miracolo salvezza, essendo solo a tre lunghezze dal 17° posto, vista la sconfitta del New Castle contro il Manchester United.

Rivincita operaia, il West Ham conquista Londra. Leicester e Manchester United viaggiano sullo stesso binario

Soucek (West Ham)

Come dicevamo, la situazione per il Newcastle inizia a farsi veramente critica, a causa di questo secondo insuccesso consecutivo che lo ha portato alla quartultima posizione in Premier. L’avversario non è stato di certo semplice da affrontare, essendo il Manchester United, che sta disputando una buona stagione, nonostante disti a 10 punti dal Manchester City. La Sfida tra i Red Devils e i Magpies si è conclusa per 3-1 all’Old Trafford, con i padroni di casa che hanno avuto il predominio del campo, anche se gli ospiti sono riusciti a creare qualche occasione trovando anche la rete del momentaneo pareggio con Saint-Maximin. Tuttavia lo United si è dimostrato nettamente superiore, portando a casa tre punti importanti con i goal di Rashford, James e Bruno Fernades: il portoghese è stato ancora una volta tra i migliori in campo, prendendosi la squadra sulle spalle e dimostrando di essere l’uomo chiave per il gioco di Solskjaer. Anche il Leicester viaggia sullo stesso binario dei Red Devils, se così possiamo dire, visto che entrambi i club si trovano a pari punti in classifica.

Anche le Foxes sono riuscite a portare a casa i tre punti nella trasferta complicata al Villa Park contro l’Aston Villa: tra i protagonisti del match c’è il solito James Maddison, trascinatore della banda di Rodgers, nonché autore del primo goal contro i Villains. La sfida si è conclusa per 1-2 a favore del Leicester, con i padroni di casa che restano a sette punti dalla zona Europa League. Nella parte est di Londra, precisamente nel quartiere di Stratford, è andata in scena una delle sfide più belle di questa domenica per gli appassionati del calcio inglese: il Derby tra West Ham e Tottenham, non ce ne voglia quello di Milano. La gara è stata entusiasmante, con gli Spurs che hanno provato a fare la partita, ma risultando poco concreti e incisivi sotto porta, al contrario dei padroni di casa, che hanno saputo finalizzare al meglio le loro occasioni. Gli uomini di Moyes hanno trovato il doppio vantaggio, prima con la rete di Michael Antonio nei minuti iniziali della partita, poi con il goal di Lingard, rinato dopo aver lasciato il Manchester United. In seguito la rete di Lucas ha provato a ridare speranza al gruppo di Mourinho, uscito sconfitto dalla stracittadina per 2-1 e sempre più lontano dall’Europa; invece, gli Hammers sono sul trampolino di lancio e, restando in ambito calcistico, la rivalsa operaia si sta facendo sentire nella capitale inglese e non solo. Anche in campionato il West Ham prosegue abbastanza spedito verso la conquista di un posto in Champions, essendo momentaneamente al quarto posto a 45 punti, una posizione che coronerebbe i sogni dei tifosi e le buone prestazioni che la squadra di Moyes sta disputando in questa avvincente stagione di Premier League.

Leave a Comment

Your email address will not be published.

Start typing and press Enter to search