in

Lazio, caos tamponi: ecco cosa rischiano i biancocelesti

Il presidente della Lazio Claudio Lotito e il direttore sportivo Igli Tare
Il presidente della Lazio Claudio Lotito e il direttore sportivo Igli Tare

La procura federale della FIGC guidata da Giuseppe Chinè ha aperto un’indagine sulla Lazio per accertare che la società biancoceleste abbia seguito correttamente i protocolli sanitari. Un vero e proprio caso-tamponi che ha portato a controllare lo stato di tre giocatori, Ciro Immobile, Lucas Leiva e Thomas Strakosha. I calciatori infatti sarebbero stati esclusi dalla spedizione europea contro il Bruges per ragioni sanitarie ma hanno potuto partecipare alla trasferta di campionato contro il Torino. Una difformità che rischia di mettere in serio pericolo la serietà di tutto il sistema e per la quale sono stati sentiti il patron biancoceleste Claudio Lotito e il medico sociale Ivo Pulcini. Ma da cosa arriverebbe tale difformità? L’incongruenza deriverebbe dalla diversa valutazione delle analisi.

Il medico laziale, come riportato dall’edizione odierna de La Gazzetta dello Sport, avalla questa ipotesi: “I tamponi, rispetto a quelli nostri sono leggermente diversi per quel che riguarda il genoma N e questo porterebbe a risultati opposti. Per la Uefa, la presenza di questo genoma è sufficiente per portare all’esclusione dell’atleta mentre in Serie A il risultato è negativo per cui il calciatore può giocatore la partita. Una situazione paradossale perché dovrebbe essere utilizzato un solo parametro, uno stesso controllo“.

Ciro Immobile attaccante della Lazio
Ciro Immobile attaccante della Lazio @Image Sport

Ora la Procura indaga ma le sanzioni in caso violazione dei protocolli sarebbero durissime, a seconda della gravità. A partire dall’ammenda fino ad arrivare all’esclusione dal campionato. La durezza della sanzione è commisurata al rischio procurato per i calciatori, per lo staff, per gli arbitri e per tutti gli addetti ai lavori oltre alla volontà espressa di alterare il risultato di una competizione sportiva. Una vera e propria ombra sulla stagione della Lazio, tornata finalmente, dopo 13 anni sul palcoscenico più importante d’Europa. Questa sera in campo dovrà mettere da parte tutta questa vicenda e cercare la vittoria contro lo Zenit che proietterebbe la formazione di Simone Inzaghi al primo posto del Gruppo F di Champions League.

Vota Articolo

741 points
Upvote Downvote
Sergio Ramos, capitano del Real Madrid

Sergio Ramos colpisce l’Inter: 100 gol con la maglia del Real Madrid

Giovanni Reyna

Da Claudio a Gio: Reyna, il nuovo pupillo del Dortmund