Simone Inzaghi, allenatore della Lazio @Image Sport

Lazio, continuità nel segno di Simone Inzaghi

La Lazio continua a essere una squadra fuori dal coro e l’intera dirigenza promuove la gestione tecnica e tattica del mister Simone Inzaghi

Lazio, la parola d’ordine è stabilità in Serie A

Nella Serie A a cui siamo abituati, l’obiettivo di tutte le squadre è vincere tutto e subito, a prescindere dal progetto e delle disponibilità delle varie rose. Spesso e volentieri è successo e continuerà a succedere che alla minima incomprensione la colpa di ogni cosa vada data all’allenatore in carica, con conseguente esonero. Il progetto tecnico di ogni singola squadra è sempre complicato da mettere in piedi e ci sono tante dinamiche da considerare, perché non è mai facile allestire una squadra in grado di vincere e convincere.

L’Inter, il Milan, il Napoli e anche la Juventus negli ultimi anni hanno cambiato molti allenatori e rivedendo in continuazione i propri progetti tecnici. Le stesse squadre di bassa classifica che lottano per non retrocedere preferiscono addossare le colpe dei fallimenti ai propri allenatori ingaggiandone altri piuttosto che avere più attenzione nel proprio progetto e nelle idee che si attuano. Una società che però è decisamente fuori dal coro è la Lazio, che sicuramente ha come parola d’ordine stabilità e vuole dare continuità al proprio progetto nel segno di Simone Inzaghi.

Claudio Lotito, presidente della Lazio @Image Sport
Claudio Lotito, presidente della Lazio @Image Sport

Lazio, Lotito predica la calma

Il tecnico Simone Inzaghi è arrivato quasi in sordina sulla panchina biancoceleste, dopo la necessaria gavetta alle giovanili. Col tempo e con molta pazienza, il mister è stato in grado di creare una mentalità di gioco ben definita e di insegnare la propria filosofia anche ai propri giocatori, che l’hanno interpretata al meglio. Inzaghi è stato molto bravo a valorizzare i calciatori in rosa, conciliando delle prestazioni nel complesso convincenti con risultati notevoli.

Non è da dimenticare che soltanto l’anno scorso la Lazio ha lottato per buona parte del campionato per la conquista dello scudetto. Il presidente della Lazio Lotito predica la calma, pianifica senza stravolgere e chiude un occhio dopo alcuni scivoloni o brutte prestazioni. Questa Lazio è una squadra propositiva e bella da vedere, ma certamente non perfetta: la rosa non è all’altezza di giocare tre competizioni durante l’arco dell’anno e spesso questo limite si nota.

Esultanza Lazio @Image Sport
Esultanza Lazio @Image Sport

Sotto la guida di Simone Inzaghi sono stati valorizzati giocatori come Milinkovic-Savic, Lazzari e Luis Alberto, ricordando anche che Ciro Immobile ha vinto il titolo di capocannoniere della Serie A e la prestigiosa Scarpa D’Oro in qualità di miglior centravanti europeo. Tante le partite divertenti e vincenti, intervallate ogni tanto da stop fisiologici tutto sommato comprensibili.

Al netto di qualche difficoltà legata alla rosa non completa, il lavoro di Simone Inzaghi fatto negli anni è stato encomiabile e la volontà di proseguire il progetto insieme c’è da parte di tutti. Inzaghi ha compiuto da poco 45 anni e il regalo per questo compleanno potrebbe essere il rinnovo del contratto, che sancirebbe l’apprezzamento dell’intera dirigenza per il lavoro svolto e la chiara volontà di continuare a dare stabilità al progetto biancoceleste. Continuità nel segno, ovviamente, di Simone Inzaghi.

Episodio di razzismo in Valencia-Cadice

Razzismo, Cala non ci sta: “Diakhaby? Ha frainteso…”

Merih Demiral, difensore della Juventus @imagephotoagency

Juventus, Demiral negativo al Covid-19