in

Lazio, da Vavro a Lukaku: il punto sugli esuberi

Nella Lazio che verrà, oltre a tenere banco il nodo allenatore, altra questione spinosa è quella relativa ai rinnovi dai prestiti. Tanti gli esuberi di cui privarsi per investire sul mercato

Jordan Lukaku, difensore della Lazio
Jordan Lukaku, difensore della Lazio

Lazio, tra i rientri tante cessioni

La Lazio è pronta a cambiare pelle. Dopo l’addio di Simone Inzaghi, i biancocelesti sono ancora sprovvisti di una guida tecnica. Seppur l’incertezza sul condottiero non sia ancora stata risolta, sul fronte degli esuberi le idee si fanno chiare. Su tutti l’addio di Denis Vavro, che ha deluso nella sua ultima esperienza all’Huesca in Spagna e che andrà via a titolo definitivo. Lasceranno Roma anche Jony, Sofian Kiyine e Thiago Casasola, che vengono considerati fuori dai piani futuri della squadra che verrà e per i quali si cercano solo delle offerte vantaggiose per cederli dopo le esperienze negative con Osasuna e Salernitana.

Situazione analoga per Jordan Lukaku: il terzino rientra dal prestito all’Anversa, con il quale ha totalizzato 18 presenze senza lasciare il segno. La Lazio cerca una soluzione a titolo definitivo, in modo da racimolare qualcosa e potenziare una rosa che ha dimostrato di avere delle lacune nella stagione appena conclusa, l’ultima in panchina di Simone Inzaghi dopo 6 anni. Infine anche Riza Durmisi, che era stato mandato in prestito alla Salernitana dopo una prima metà di stagione passata da separato in casa a Formello dovrebbe lasciare a titolo definitivo la società biancoceleste.

Lazio, tra i rientri tanti in bilico

Non finisce qui: tanti, infatti, sono i giocatori che torneranno in biancoceleste il prossimo 30 giugno cioè al termine del loro periodo in prestito e che sono dal futuro in bilico. Molti sono giovanissimi e seppur che vengano considerati come dei talenti dal sicuro avvenire, vengono considerati ancora troppo acerbi per avere un ruolo da protagonisti nella prima squadra romana già a partire dalla prossima stagione. Stiamo parlando dei vari Simone Palombi, Bobby Adekanye, Marius Adamonis, Cristiano Lombardi, Alessandro Rossi e Andrè Anderson, che sono pronti a dire nuovamente addio alla società di proprietà di Lotito per crescere ulteriormente e poi sperare di essere riconfermati in futuro, anche se si aspetta naturalmente il via libera del prossimo allenatore che li testerà nel prossimo ritiro precampionato. Si prospettano quindi giorni di fuoco per la Lazio e per il direttore sportivo Igli Tare. Il primo obiettivo sarà trovare un allenatore, poi si dovrà anche cercare di risolvere la questione dei rientri dai prestiti e non si escludono eventuali colpi di scena.

Sullo stesso argomento  Fares, addio Lazio: Torino in vantaggio
Antonio Conte, ex allenatore dell'Inter @Image Sport

Tottenham, Conte è l’uomo giusto per ripartire?

Jorginho, centrocampista del Chelsea e della Nazionale

Italia-Repubblica Ceca, formazioni ufficiali: Jorginho guida il centrocampo