in

Lazio-Fiorentina, un match che sa di mercato: Luis Alberto e Vlahovic i protagonisti

Lazio e Fiorentina si affrontano nel match valido per la decima giornata di Serie A: una partita che sa di mercato, considerando le situazioni di Luis Alberto e Vlahovic

Luis Alberto (Lazio) e Vlahovic (Fiorentina)
Luis Alberto (Lazio) e Vlahovic (Fiorentina)

Lazio, Luis Alberto con la valigia in mano

Già in estate il rapporto tra la Lazio e Luis Alberto sembrava destinato a concludersi, a causa di alcuni screzi con la società. Tuttavia, la situazione è andata migliorando e lo spagnolo è rimasto. Ciononostante, nelle ultime settimane sembrerebbe precipitata di nuovo la situazione. Infatti, il tecnico Maurizio Sarri, durante una conferenza stampa, avrebbe criticato il modo di giocare dell’ex Liverpool, ritenendolo adatto solo in alcune circostanze. Difatti, il centrocampista spagnolo è rimasto in panchina nelle ultime partite, subentrando solo nei minuti finali. I prossimi mesi saranno decisivi, ma una sua eventuale partenza è da tener conto, nel caso in cui non riesca a trovare tanto spazio, già a gennaio o a fine stagione.


Scarica la nostra App


Dusan Vlahovic (Fiorentina)
Dusan Vlahovic (Fiorentina)

Fiorentina-Vlahovic, è scontro

Diversa invece la situazione della Fiorentina con Dusan Vlahovic. L’attaccante serbo, dopo le dichiarazioni della società del suo mancato rinnovo, sarebbe finito nel mirino dei tifosi, ricevendo molte critiche. Tuttavia, sia la squadra che il tecnico Vincenzo Italiano hanno chiesto di sostenere il giocatore fin quando vestirà questa maglia.


Leggi anche:


Infatti, dopo la contestazione a Venezia, nel match in casa contro il Cagliari, sono arrivati gli applausi, soprattutto dopo aver esultato per il gol abbracciando il mister. Ciononostante, il vero scontro è tra l’ex Partizan e la società. Il presidente Rocco Commisso vorrebbe risolvere subito la situazione cedendo il calciatore già nel mese di gennaio, ma così facendo difficilmente riuscirebbe ad ottenere la cifra richiesta. Per questo motivo è probabile che la cessione del serbo slitti nel mercato estivo, quando si potrebbe scatenare una vera e propria asta tra i big club europei.