in

Lazio, il Covid ferma Inzaghi: “Tutti isolati e per il Torino…”

Champions League, la Lazio strapazza il Dortmund: all'Olimpico finisce 3-1 @imagephotoagency
Champions League, la Lazio strapazza il Dortmund: all'Olimpico finisce 3-1 @imagephotoagency

Una Lazio ferma ai box, quella che affronterà questa sera il Brugge per la seconda giornata di Champions League. La squadra biancoceleste di Simone Inzaghi con soli 13 titolari della prima squadra pronti alla sfida, il resto sarà spazio dedicato ai primavera.

Il tecnico della Lazio aveva chiesto delucidazioni e le stesse sono arrivate direttamente dalle parole dell’ortopedico e coordinatore dello staff medico biancoceleste, il Dott. Fabio Rodia che ha così commentato la situazione: “Per i protocolli dell’Uefa due giorni prima del match la rosa viene sottoposta ai tamponi anti-Covid. Nell’effettuazione di lunedì ci sono state delle criticità. Per tutelare i propri tesserati la società ha messo subito in isolamento i casi dubbi nelle rispettive abitazioni. Nei prossimi giorni valuteremo queste eventuali criticità. In vista della gara col Torino faremo ulteriori approfondimenti per chiarire la situazione. La società per ottemperare ai protocolli Uefa, ha lasciato a casa i propri tesserati nonostante qualche dubbio sugli esiti. Gli altri stanno tutti bene, e c’è un ottimo clima. Siamo pronti per affrontare questa sfida. Siamo ottimisti”.

Una Lazio pronta ad affrontare il Club Brugge, pronta al limite anche alla prossima sfida di Serie A contro il Torino. La realtà però resta la stessa: Inzaghi dovrà fare a meno dei titolari per la Champions, in attesa di capire cosa accadrà nei prossimi giorni.

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Loading…

0

Vota Articolo

749 points
Upvote Downvote
Andrea Pirlo, allenatore della Juventus @imagephotoagency

Juventus, Pirlo contro Allegri: si sogna la cavalcata del 2015

Paolo Maldini, responsabile dell'area tecnica del Milan

Milan, Gazidis da il via libera al mercato: tutti i colpi di gennaio