Array

Lazio-Juventus, Inzaghi: “Dovevamo sfatare il tabù e ci siamo riusciti”

Lazio-Juventus, Inzaghi: “Siamo stati sempre in partita. Secondo tempo perfetto”

La Lazio di Simone Inzaghi vince 3-1 e vola in classifica. Settima vittoria consecutiva e successo raggiunto che contro la Juventus mancava da ben 16 anni. Queste le parole del tecnico biancoceleste a Dazn.

Sulla gara: “Dovevamo sfatare il tabù. non vincevamo da 16 anni contro la Juventus ma ce l’abbiamo fatta. I ragazzi sono stati bravissimi in tutto: gioco, concentrazione, voglia. Siamo stati sempre in partita perché con la Juventus puoi sempre prendere gol e bisogna fargli i complimenti per il gol fatto. Dovevamo rimanere in partita, ci siamo riusciti e abbiamo fatto un secondo tempo perfetto.”

Sul momento della squadra: Roma è un ambiente particolare, i tifosi ci sono stati vicino per tutta la partita, ci hanno trascinato. Dobbiamo mantenere la calma ma anche goderci momenti come questo o come a San Siro o la finale di Coppa Italia. Si parla troppo dell’ottavo posto dello scorso campionato e poco della vittoria in Coppa Italia.”

[irp]

Lazio-Juventus, Inzaghi su Luis Alberto: “Non lo avrei mai tolto ma aveva un piccolo problema”

Felipe Caicedo e Simone Inzaghi
Felipe Caicedo e Simone Inzaghi, attaccante ed allenatore della Lazio

I passaggi finali dell’intervento di Inzaghi sono per la prestazione di Luis Alberto e gli episodi che hanno cambiato la partita: “Bisogna sempre mantenere gli equilibri di squadra. Luis Alberto non l’avrei cambiato ma ha avuto un problemino in settimana e sapevo che avrei dovuto toglierlo. Davanti abbiamo delle corazzate, la classifica si sta delineando è la settima vittoria di fila e dobbiamo essere molto contenti consapevoli che i giudizi cambiano in fretta. Quando incontri la Juventus affronti Dybala, Cristiano Ronaldo, Higuain all’inizio puoi essere un po’ guardingo, ma poi i ragazzi sono stati bravi a capire i momenti della partita”.

[irp]

“Tra l’espulsione di Cuadrado e il gol di Luiz Felipe penso sia stato determinante più il secondo, anche se la partita ce l’avevamo in mano siamo stati bravi a non indietreggiare e mantenere alto il pressing. I ragazzi sono bravi, si sacrificano, ci sono ragazzi che meriterebbero più spazio ma sanno che ora le scelte sono queste. Il rigore di Immobile? E’ stato bravo Szceszny.”