in

Lazio, nessuna comunicazione all’ASL: e ora?

Ciro Immobile, attaccante della Lazio (foto by imagephotoagency)
Ciro Immobile, attaccante della Lazio (foto by imagephotoagency)

Il pareggio di San Pietroburgo ha fatto quasi dimenticare ai tifosi biancocelesti delle pesanti assenze di Luis AlbertoImmobileLeiva Strakosha ma, nel frattempo, le indagini proseguono con nuovi risvolti. Riassumere l’accaduto sarebbe inutile. Ormai tutti sappiamo quanto successo in casa Lazio ed è meglio andare avanti cercando di capire cosa sarebbe successo nella giornata di ieri. La FIGC, come detto, sta indagando per cercare di capire cosa sarebbe andato storto e cosa la Lazio avrebbe fatto di non congruo al regolamento redatto e firmato dai club in estate.

Secondo quanto appreso nei giorni scorsi, attraverso i propri medici, la società di Claudio Lotito avrebbe giudicato la positività di Immobile come un caso di “leggera positività al Covid-19″. Il punto è che questo giudizio qualitativo non sarebbe presente in nessun documento redatto dal Ministero della Salute che, invece, giudicherebbe i tre geni alla pari e quindi ugualmente positivi. Come se non bastasse, poi, ci sarebbe un secondo fatto che la Lazio avrebbe trascurato. Secondo il protocollo del nostro calcio, ma più in generale secondo la legge italiana, i casi di positività al Covid-19 andrebbero comunicati all’ASL di riferimento, in questo caso l’ASL Roma 1, per mappare i contatti dei positivi e quindi altri possibili contagi. Per la Rosea, infatti, il club biancoceleste non avrebbe fatto nulla di tutto ciò e si sarebbe limitato ad una comunicazione telefonica che quindi non avvalorerebbe il proprio comportamento.

Ora il caos si starebbe facendo sempre più grande e questi fatti potrebbero costringere la FIGC a centralizzare i controlli, esattamente come viene fatto per l’antidoping. Si pensava di poter credere nella fermezza morale del calcio che, invece, ancora una volta si è dimostrato insensibile al momento storico che sta vivendo buona parte della popolazione italiana.

LEGGI ANCHE  Calciomercato Fiorentina, nuova idea per l'attacco: a gennaio colpo dalla Lazio

Poi c’è il problema della gara contro la JuventusLuis Alberto è guarito e, con tutta probabilità sarà in campo, ma cosa fare con gli altri? Schierarli vorrebbe dire aumentare ancor di più le polemiche e gettare benzina sul fuoco ma non farlo potrebbe rappresentare una sconfitta e una sorta di ammissione di colpe

Commenti

Lascia un commento

Loading…

0

Vota Articolo

640 points
Upvote Downvote
Stefano Pioli, allenatore del Milan @imagephotoagency

Milan-Lilla, Pioli fiducioso: “Dobbiamo imparare da questa prestazione”

Borja Mayoral (Roma)

Roma, Fonseca dà il 5 alla squadra: si sblocca Borja Moyoral