in

Lazio, Sconcerti: “Se manca la voglia è grave…”

Fabio Quagliarella (Sampdoria)
Fabio Quagliarella (Sampdoria) @Image Sport

Ai microfoni di TMW Radio è intervenuto Mario Sconcerti, noto opinionista sportivo, che ha parlato del momento negativo della Lazio: “All’appuntamento di Champions League i biancocelesti ci arrivano molto male. La partita con la Sampdoria è emblematica. Si tratta di una sconfitta secca e netta“.

La scarsità di giocatori non può spiegare questo momento. E’ lenta e prevedibile. Così come lo era la scorsa stagione dopo il lockdown. Senza i suoi alfieri, Sergej Milinkovic-Savic, Luis Alberto e Lucas Leiva, gli aquilotti diventano una squadra normale, attaccabile. E’ molto grave che Ciro Immobile e Simone Inzaghi imputino questa crisi alla mancanza di voglia. Se tutta la squadra non è motivata non si riesce ad andare avanti. Credo che il mister dovrà fare una bella chiacchierata con i suoi giocatori“.

Il commentatore sportivo ha poi parlato del momento positivo del Milan: “I rossoneri erano una squadra in costruzione. Poi l’arrivo di Zlatan Ibrahimovic non ha fatto altro che alzare il livello e fornire esperienza. In un campionato leggero come è adesso quello italiano riesce a fare la differenza e a fare da guida alla squadra“.

Sul caso Christian Eriksen: “Mi sembra che non sia entrato svogliato. E’ stato messo a fare il mediano davanti alla difesa, ruolo che lui non ha mai ricoperto. Per fortuna per i nerazzurri hanno un’abbondanza a centrocampo tale da non accorgersi di un’eventuale scarsa forma fisica del danese“.

Maurizio Sarri ex Juventus

Fiorentina, prevedibile e senza idee: su Iachini c’è l’ombra di Sarri e Spalletti

Bruno Alves, difensore del Parma

Parma, è Bruno Alves uno dei 7 positivi