Luis Suarez, attaccante dell'Atletico Madrid
in

Liga, l’Atletico sfida la storia: due giornate per tornare campione

A due giornate dal termine la Liga è ancora aperta: Atletico e Real pronte a darsi battaglia, Barcellona (quasi) esclusa dalla lotta

Dopo il dominio di Barcellona e Real – durato 7 stagioni – l’Atletico Madrid del Cholo Simeone potrebbe tornare a conquistare il campionato spagnolo otto anni dopo l’ultima volta. A due giornate dal termine, infatti, i Colchoneros occupano la vetta più alta della classifica, a +2 sul Real Madrid e a +4 sul Barcellona, con un calendario – almeno sulla carta – abbordabile. Per assicurarsi l’undicesimo campionato della propria storia, la squadra di Simeone sarà costretta a vincere contro Osasuna e Real Valladolid per evitare un possibile sorpasso dei cugini di Madrid. In caso di arrivo a pari punti sarebbero i Blancos a festeggiare, in virtù degli scontri diretti a favore.

Atletico Madrid, 180° minuti per conquistare la corona

L’unica grande squadra spagnola a non aver disputato una stagione deludente – fino a questo momento – è l’Atletico Madrid.
Con 24 vittorie, 8 pareggi e 4 sconfitte in 36 partite, Suarez e compagni hanno conquistato ben 80 punti in Liga e sono ad un passo dal diventare campioni di Spagna. L’Atletico potrebbe infatti conquistare il titolo già a partire da sabato. Vincendo contro l’Osasuna, nel caso in cui il Real – impegnato in contemporanea a Bilbao – non dovesse portare a casa i 3 punti, la squadra di Simeone conquisterebbe l’undicesimo titolo della propria storia. Qualora anche i Blancos dovessero vincere la festa potrebbe essere rimandata all’ultima giornata sul campo del Real Valladolid.

Real Madrid, stagione da Zero Titoli?

Dopo aver sciupato il possibile sorpasso sull’Atletico, pareggiando 2-2 con il Siviglia nel corso della 35° giornata, vincere contro Athletic Bilbao e Villareal potrebbe non bastare al Real Madrid. Tutto dipenderà dai risultati della squadra di Simeone, attualmente a +2. Se quest’ultima dovesse pareggiare anche solo una partita, il Real – vincendo entrambe le gare rimanenti – terminerebbe il campionato con gli stessi punti dell’Atletico e, in virtù degli scontri diretti a favore, sarebbe Campione di Spagna. Mancando la vittoria della Liga il Real Madrid terminerebbe la stagione con “Zero Tituli”, evento che non si concretizza dal 2010, l’anno del Triplete dell’Inter di Mourinho.

Sergio Ramos, difensore del Real Madrid @imagephotoagency
Sergio Ramos, difensore del Real Madrid @imagephotoagency

Barcellona, a Messi serve un miracolo

Il Barcellona di Leo Messi sembrerebbe ormai fuori dai giochi, anche se la matematica dice il contrario. A -4 punti dalla vetta e a -2 dal Real pronto a spodestare l’Atletico, solo con un miracolo sportivo i blaugrana potrebbero terminare il campionato in prima posizione. Infatti, se i Colchoneros dovessero vincere o pareggiare contro l’Osasuna la squadra di Koeman sarebbe aritmeticamente fuori dalla lotta scudetto a causa degli scontri diretti a sfavore.

Lionel Messi, attaccante del Barcellona @Image Sport
Lionel Messi, attaccante del Barcellona @Image Sport

Sullo stesso argomento  Juventus-Locatelli, insidia Ancelotti: segnale dai bianconeri
Lautaro Martinez (Inter)

Inter, Lautaro Martinez: “Lukaku mi aveva fatto una promessa”

Coronavirus, Olimpiadi 2020 a rischio rinvio

Al via il Malagò III: Coni in rosa, 5 donne al potere