Home Lotito e il nuovo stadio della Lazio: siamo rimasti ai primi anni...

Lotito e il nuovo stadio della Lazio: siamo rimasti ai primi anni 2000

Il Presidente Lotito e il nuovo stadio della Lazio compiono 15 anni.

E’ nota l’incisività del Presidente della Lazio Claudio Lotito nel raggiungere i propri obiettivi. Essi sono legati sia alle sue aziende sportive, Lazio e Salernitana, sia alle altre ugualmente facenti parte della sua holding.

Va riconosciuta al presidente Lotito una capacità quasi unica di tenere in piedi i bilanci, capacità contabile che alla Lazio, ad esempio, era necessaria per la sua stessa sopravvivenza.

Questa capacità l’ha mantenuta negli anni costruendo una squadra che è sempre stata nella parte alta della classifica di serie A togliendosi anche qualche soddisfazione e non solo quella contro i cugini giallorossi.

L’unica vera sconfitta riguarda lo Stadio, anzi gli stadi: 1) il nuovo Stadio della Lazio per l’assenza di un vero e proprio tavolo di lavoro 2) l’Olimpico per la storica mancanza di spettatori.

Primo problema. E’ vero, è più difficile di quel che sembra (siamo a Roma, una città che ti fagocita senza nemmeno fartene accorgere) sono però 15 anni, come dice Lotito, che c’è la volontà di fare il nuovo stadio. Di concreto però niente. Dov’è il problema?

Nell’intervista odierna concessa al Corriere dello Sport, Lotito, a proposito di stadio, parla come se fossero gli albori del progetto e non come se sono trascorsi 15 anni dalla prima pietra. E’ questo ciò che lascia perplessi. Scontata la domanda: a che punto siamo? Che cosa è stato fatto in questi 15 anni? Da allora si sono succeduti diversi Sindaci o Commissari. Quali? Veltroni fino al 2006, Alemanno (dopo il prefetto Morcone) fino al 2013, Marino fino al 2015, la Raggi, dopo il Prefetto Tronca, tuttora in sella.

Secondo problema. Gli abbonamenti e gli spettatori dell’Olimpico. In questo articolo analizziamo gli abbonamenti dell’era Lotito (dal 2004 al 2019) e i numeri ci dicono che forse qualcosa in più si può fare.

Come riportato da Cittaceleste.it, dal 2004 al 2019 queste le tessere annuali vendute 2004/05: 28.731; 2005/06: 18.958; 2006/07: 14.809; 2007/08: 14.493; 2008/09: 25.060; 2009/10: 27.334; 2010/11: 12.877; 2011/12: 20.150;  2012/13: 20.484; 2013/14: 23.173; 2014/15: 17.400; 2015/16: 14.221; 2016/17: 6.000; 2017/18: 10.800; 2018/19: 20.000.

L’entusiasmo per l’arrivo del nuovo Presidente dopo anni di sofferenze portò alla sottoscrizione di oltre 28.000 abbonamenti mai più eguagliati. Impressionante il dato del 2016: solo 6.000 le tessere staccate. Abbonamenti che si sono poi attestati quest’anno a quota 20.000: si potrebbe fare qualcosina in più oppure questo è proprio il massimo possibile?

Certamente non lo pensiamo e la mente va all’Allianz Arena, stadio di quinta generazione tra i primi 10 al mondo. Ebbene, l’Allianz Arena ha lanciato, all’inizio della sua avventura -per un anno intero – una campagna di vendita di abbonamenti e biglietti singoli avente l’obiettivo di riempire ogni domenica lo stadio. Costo del biglietto: 5 euro.

L’obiettivo? Raggiunto.

NOTIZIE PER TE

Lazio-Borussia Dortmund streaming gratis: diretta live no Hesgoal

Era la stagione 2007/2008 quando la Lazio si affacciava nel massimo palcoscenico europeo della Champions League. Ci sono voluti 13 anni per rivedere la squadra biancoceleste in Europa e...

Lazio, Immobile: “Abbiamo lottato tanto per questo momento…”

Lazio, Immobile: "Ko di Genova? Domani nessuno ricorderà niente..." Ciro Immobile, bomber della Lazio, è intervenuto nella consueta conferenza stampa della vigilia, in vista della sfida di Champions League contro...

Lazio, Inzaghi alla sua prima in Champions: “Esordio tosto…”

Simone Inzaghi, tecnico della Lazio, in occasione del match che sancirà il ritorno nella massima competizione europea dei biancocelesti, ha parlato nella consueta conferenza stampa della vigilia: "Al match...

SOCIAL NEWS