Luca Pellegrini, il futuro della Nazionale passa da Cagliari

Esordio da titolare con il Cagliari per Pellegrini, il futuro della fascia azzurra è suo

17 views

Luca Pellegrini è stato lanciato da titolare contro il Milan, dimostrando una volta di più di essere una grande speranza per l’Italia che verrà.

Luca Pellegrini, in quel di Cagliari, sembra poter trovare davvero la sua dimensione. Certo parlare già di seconda vita calcistica sarebbe sin troppo precoce per un ragazzo di soli 19 anni, ma che il giovane avrebbe tratto giovamento da un allontanamento dall’ovile sembrava oramai chiaro a tutti. Nella Roma infatti, ambiente dove Luca è cresciuto come uomo e come calciatore, lo spazio era ridotto ad un lumicino e Di Francesco non aveva mai dimostrato particolare affetto nei suoi confronti.

L’allenatore giallorosso infatti ha sempre stravisto per il “suo” Pellegrini, quel Lorenzo allenato a Sassuolo e già pupillo dai tempi della militanza di entrambi tra le fila dei neroverdi. Il tecnico lo ha continuamente preferito anche a compagni molto più esperti, dandogli fiducia persino dopo una lunghissima serie di prestazioni a dir poco incolori ed aspettandolo per praticamente un anno e mezzo, prima dell’exploit degli ultimi mesi.

E Luca Pellegrini? Lui ha dovuto rimanere a disposizione dopo la promozione in prima squadra, ma solo sulla carta. Perché a livello pratico il campo l’ha visto poco, pochissimo: 161 minuti nelle prime 21 giornate di campionato non possono essere abbastanza, per quella ch’è probabilmente la miglior speranza futura in ottica Nazionale per la corsia mancina. A maggior ragione considerando le condizioni di un Kolarov ormai in declino, costretto – come recentemente ammesso dallo stesso Di Francesco – a giocare una lunga serie di partite tra infiltrazioni costanti ed un piede ancora rotto.

Certo scalzare il serbo è dura, anche per questioni di esperienza e di dinamiche di spogliatoio. Ma perché viste le condizioni del titolare dell’out mancino denunciate dallo stesso allenatore giallorosso, Luca Pellegrini non ha trovato più spazio? Era chiaro a tutti a quel punto che un cambio di casacca sarebbe stato quantomai opportuno per concedere al giovane terzino più spazio da titolare.

Il Cagliari per dimostrare di essere già grande

Nella corsa al terzino si erano inseriti diversi club di bassa classifica ma alla fine l’ha spuntata il Cagliari, che ha ottenuto dalla Roma il prestito del ragazzo. La prova del fuoco è giunta ieri sera, pur contro un Milan corsaro, quando il terzino classe ’99 ha potuto finalmente dar sfoggio delle sue qualità per tutti i 90 minuti, cosa mai accaduta fin qui in stagione.

La prestazione di Pellegrini è stata giudicata molto positivamente dalla maggior parte dei quotidiani sportivi nazionali, tant’è che in Sardegna si dicono già convinti di aver concluso un ottimo affare. La speranza di tutti ora è che il giovane possa trovare continuità da qui a fine campionato e che i brutti infortuni patiti nelle scorse stagioni, eventi che ne hanno sicuramente rallentato la crescita, siano da potersi considerare ormai definitivamente acqua passata.

Guardando ai nomi oggi a disposizione di Mancini infatti, la corsia sinistra di difesa è ancora senza un padrone fisso in ottica Nazionale. Ma Luca Pellegrini sembra avere tutte le qualità necessarie a scalzare la concorrenza e risolvere finalmente quel “problema terzino” sul quale gli azzurri si crucciano senza una soluzione definitiva, oramai dai tempi del Mondiale in Germania.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

RESTA AGGIORNATO CON LE ULTIME NOTIZIE DELLA TUA SQUADRA DEL CUORE, CLICCA QUI




LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here