in

Luciano Darderi in ESCLUSIVA: “Sono fiducioso, mi aspetto una bella finale”

Luciano Darderi ha rilasciato un’intervista ai nostri microfoni riguardo la conquista della sua prima finale Challenger

Luciano Darderi
Luciano Darderi

Luciano Darderi conquista la sua prima finale a livello Challenger sulla terra rossa di San Paolo. Il tennista italo-argentino classe 2002 ha superato la semifinale per il ritiro di Felipe Meligeni-Alves, che è risultato positivo al Covid-19 e ciò non gli ha permesso di giocare il penultimo atto in casa. Darderi, attualmente numero 443 nel ranking ATP e prossimo ad una lunga scalata, è in una fase decisamente positiva della sua carriera ed ora dovrà vedersela in finale contro Juan Pablo Ficovich, numero 285 del mondo, reduce dalla vittoria contro Nicolas Jarry. Il giovane ed emergente tennista italo-argentino si è raccontato ai nostri microfoni in esclusiva riguardo la finale che affronterà alle ore 17:00.

Luciano Darderi
Luciano Darderi

Prima finale Challenger, ti aspettavi di arrivare fino a questo punto?                                            “Arrivo dalle qualificazioni, ho giocato tante partite e sinceramente non mi aspettavo di arrivare in finale. Pensavo di fare un bel torneo perché comunque sto giocando molto bene, ho avuto un po’ di sfortuna negli ultimi tabelloni però in questo torneo sono in fiducia, darò il massimo. Spero di fare una bella partita e di riuscire ad esprimere il massimo del mio tennis”. 

Che emozioni provi e riuscirai a tenerle a bada durante la finale?                                                  E’ veramente fantastico perché quest’anno sono partito da molto dietro. E’ il mio primo anno in cui faccio attività ATP ed arrivare a questo livello così velocemente è molto difficile quindi sono contento di salire a questi livelli. Anche se è fine anno e ho fatto tantissime partite e tanti tornei sto continuando a giocare così, sto migliorando settimana dopo settimana. Spero di non pensare che sia una finale e di giocare tranquillo e sciolto come se fosse una normale partita. Mi aspetto una bella finale perché è un torneo importante e il mio avversario è un giocatore forte”.