Home Calcio Estero Malcom e Vidal, gemelli diversi

Malcom e Vidal, gemelli diversi

I punti di contatto e le differenze tra le vicende degli ultimi due acquisti del Barcellona

Malcom Filipe Silva de Oliveira, attaccante brasiliano classe ’97. Arturo Vidal, centrocampista cileno classe ’87. Dalla serata di ieri hanno in comune la maglia blaugrana del Barcellona. Ma poco prima del loro approdo in Catalogna era possibile accomunare i due giocatori sudamericani anche per le personali vicende di mercato, tanto simili quanto differenti. Stiamo parlando infatti di due obiettivi soffiati in extremis a due squadre italiane, rispettivamente alla Roma e all’Inter.

Due situazioni all’apparenza identiche…

Le congruenze tra le due trattative iniziano sin dalla loro genesi: affari praticamente impossibili, trasformatisi nel giro di poche ore prima in possibilità e poi in concrete speranze, prima della chiusura degli stessi. Sì, perché sia la società giallorossa che quella nerazzurra avevano raggiunto un accordo pressoché totale con Bordeaux e Bayern Monaco, ex proprietarie dei cartellini dei due protagonisti. Nel caso della Roma il tutto era in uno stadio ancor più avanzato, con gli account social delle due società a sugellare la chiusura dell’affare e il giocatore in procinto di prendere l’aereo per sbarcare all’aeroporto romano di Ciampino. Altro punto in comune sta nel fatto che entrambe le negoziazioni si fossero concluse con cifre estremamente inferiori a quelle ipotizzate in una prima fase di studio della trattativa: il cileno sarebbe dovuto giungere a Milano per una cifra intorno ai 30 milioni di euro; il brasiliano avrebbe tinto la sua carriera di giallorosso in cambio di 32 milioni più 6 di bonus nelle casse della società francese. A concludere le similitudini l’inserimento a sorpresa del Barcellona, che, spiazzando le due grandi del calcio nostrano, ha chiuso i due importanti accordi e ufficializzato i trasferimenti con tempistiche record.

…ma profondamente diverse: quali gli errori di Roma e Inter?

A questo punto c’è da chiedersi se e cosa abbiano sbagliato le società di Trigoria e della Pinetina nelle fasi conclusive delle due trattative. Qui si presenta la differenza sostanziale tra di esse: la Roma è stata vittima degli eventi, l’Inter è stata vittima di se stessa e dei suoi temporeggiamenti. Monchi non ha potuto far altro che farsi travolgere dalla disonestà e dalla falsità della dirigenza girondina e dello stesso Malcom, dato che aveva fatto tutto il possibile per portare a termine un’operazione tecnicamente ed economicamente eccellente. Ausilio, convinto di avere in pugno il giocatore, ha iniziato a valutare anche altre piste, ritenendo possibile raggiungere profili ancor più prestigiosi, come quello di Luka Modrić; una strategia, quella del ds milanese, di cui solo il tempo rivelerà la bontà o meno, dato che non è ancora da escludere l’approdo del croato in nerazzurro. Se dunque la Roma aveva deciso di puntare su Malcom in maniera convinta e totale, l’Inter ha invece compiuto una scelta cosciente, seppur ad alto coefficiente di rischio, nel rallentare l’ultimissima fase dell’affare Vidal, evidentemente scavalcato dal capitano della nazionale croata nelle preferenze nerazzurre. Vicende dunque diverse ma causate entrambe dall’abilità del Barcellona nello sfruttare da un lato l’avarizia del Bordeaux e dall’altro l’indecisione dell’Inter.

NOTIZIE PER TE

Prima la Juve e la Lazio, poi Inter, Atalanta, Roma e Milan: l’Italia guarda all’Europa… con la mascherina

E' un'Europa diversa, afflitta dal male che ha condizionato l'ultimo anno, che ha minato un'economia già in difetto, che ha condizionato la vita dell'umanità; da piccoli, quando tutto era...

Serie B, volano Cittadella ed Empoli: rallentano Salernitana e Reggina

Il turno infrasettimanale di Serie B, valevole per la quarta giornata del campionato cadetto, incorona Cittadella ed Empoli: la squadra di Roberto Venturato supera 2-0 il Pordenone grazie alle...

Champions League, lo United sbanca Parigi: il Barcellona umilia il Ferencvaros

Juventus e Lazio inaugurano nel migliore dei modi la nuova stagione di Champions League, bianconeri e biancocelesti hanno sconfitto rispettivamente Dinamo Kiev e Borussia Dortmund. Decisivo Alvaro Morata per...

SOCIAL NEWS