Esultanza Manchester City
in

Manchester City-PSG, probabili formazioni: Guardiola e Pochettino, storia e conferme

Stasera, ore 21:00, all’Etihad Stadium, Manchester City e Paris Saint Germain si contenderanno un posto in finale di Champions League, la secondo consecutiva dei parigini mentre sarebbe la prima della storia per gli inglesi. Si riparte del 2-1 dell’andata in favore dei ragazzi di Pep Guardiola, ma la battaglia è ancora apertissima

La sfida tra due sceicchi

PSG e Manchester City sono accomunate da una proprietà capitanata da uno sceicco e con la quale sono balzati ai vertici del calcio mondiale dopo una storia passata a raccogliere ciò che le big lasciavano cadere. La “rivoluzione saudita” che queste due squadre hanno portato in campo è stata repentina e accompagnata da fiumi di petroldollari, creando quel calciomercato caratterizzato da cifre folli che sta lentamente segnando il movimento calcistico europeo.

Questa sera vedremo in campo due rose il cui valore è di circa due miliardi di euro, praticamente il valore di 15 squadre di Serie A. Numeri che fanno girare la testa, ma che spiegano bene cosa sia il calcio contemporaneo e cosa voglia dire costruire formazioni competitive su tutti i fronti per club come Manchester City e PSG.

Il Manchester City per la storia, il PSG per la conferma

Il Manchester City vuole raggiungere la sua prima finale di Champions League della storia, dopo la vittoria della Coppa delle Coppe nella stagione 1969/70, mentre il PSG vuole raggiungere la seconda consecutiva e dare continuità a un progetto vincente e convincente. Pep Guardiola ha plasmato una squadra a sua immagine e somiglianza, rendendo la rosa una macchina perfetta, in grado di pressare a tutto campo, mantenere il possesso del pallone e verticalizzare rapidamente cercando sempre di vedere il calcio un passaggio prima degli avversari.

Pochettino, invece, è arrivato in inverno dopo l’esonero di Thomas Tuchel, e ha deciso di continuare sulla strada tracciata dal suo predecessore e cercare una via diversa per cambiare rotta alla stagione: dialogare con lo spogliatoio del PSG e catalizzarlo verso un unico obiettivo, vincere la Champions League.

Kevin De Bruyne, giocatore del Manchester City
Kevin De Bruyne, giocatore del Manchester City

De Bruyne come falso nueve

Il Manchester City potrà contare su tutta la rosa al completo, tranne il baby Eric Garcia, e le scelte di Pep Guardiola potranno essere libere e ponderate in base alla strategia e allo stato forma di ogni singolo giocatore. I centrali di difesa dovrebbero essere i confermati Stones e Ruben Dias, con ai loro fianchi Walker e Cancelo, quest’ultimo in ballottaggio con Zinchenko. Sulla linea mediana agiranno gli intoccabili Rodri e Gundogan, massimi esponenti del Guardiolismo inglese, mentre nella batteria dei trequartisti avranno una maglia da titolare Mahrez, Bernardo Silva e Foden, a supporto di De Bruyne che agirà da falso nueve per dimostrare di avere le qualità per essere il prossimo Pallone d’Oro.

Kylian Mbappe, attaccante del PSG
Kylian Mbappe, attaccante del PSG

Il PSG in apprensione per Mbappe

Pochettino dovrà fare a meno dello squalificato Gueye e sull’infortunato Bernat, per il resto la rosa sarà al completo per giocare la partita più importante della stagione. La problematica più grande però, deriva dalle condizioni di Mbappe, il quale sta soffrendo di un fastidio al polpaccio, ma l’attaccante parigino dovrebbe essere del match e agire come punta centrale. Alle sue spalle largo alla qualità di Neymar, Verratti e Di Maria, con l’italiano che giocherà nel ruolo di trequartista, mentre a centrocampo ci saranno Danilo Pereira e Paredes a schermare la linea difensiva formata da Florenzi, Marquinhos, Kimpembe e Diallo. In porta, ovviamente, ci sarà Navas.

MANCHESTER CITY (4-2-3-1): Ederson; Walker, Stones, Rúben Dias, Cancelo; Rodri, Gündoğan; Mahrez, Bernardo Silva, Foden; De Bruyne

PSG (4-2-3-1): Navas; Florenzi, Marquinhos, Kimpembe, Diallo; Danilo, Paredes; Di María, Verratti, Neymar; Mbappé

Roberto Mancini, allenatore della Nazionale

Mancini esalta l’Inter: “Scudetto meritato, Conte fa rendere al massimo”

Juventus, migliorano le condizioni di Sarri

Calciomercato Roma, un rinforzo per ruolo: la rivoluzione di Sarri