in

Manchester United-Atalanta 0-2 a fine primo tempo: Pasalic e Demiral gelano l’Old Trafford

Finisce 0-2 la prima frazione di gioco fra Manchester United e Atalanta nel terzo turno dei gironi di Champions League: nerazzurri aggressivi e pericolosi, che hanno messo in grande difficoltà i Red Devils e hanno colpito con le reti di Pasalic e Demiral

Muriel e Demiral, calciatori dell'Atalanta @Image Sport
Muriel e Demiral, calciatori dell'Atalanta @Image Sport

Termina 0-2 il primo tempo della sfida della terza giornata di Champions League fra Manchester United e Atalanta. Grande prestazione fin qui dei bergamaschi, che hanno messo subito in difficoltà i padroni di casa con la solita aggressività e per lunghi tratti hanno fatto la partita. I nerazzurri giocano alla pari e senza paura, mentre i Red Devils aspettano e cercano di recuperare palla per ripartire in velocità, ma al 15′ la Dea passa in vantaggio: scambio tra Muriel e Ilicic, la palla arriva tra i piedi di Zappacosta che lascia partire un cross rasoterra perfetto sul quale si avventa Pasalic che mette dentro.


Scarica la nostra App


La reazione degli inglesi arriva 5 minuti più tardi, quando Ronaldo parte in velocità sulla fascia, mette un pallone interessante in area di rigore che viene raccolto da Fred, il quale con un tiro potente ma centrale impegna Musso, che manda in calcio d’angolo, mentre al 26′ ci prova CR7 ma il portiere argentino blocca senza problemi. Gli ospiti continuano a controllare il match e non subiscono particolarmente le iniziative degli avversari, anzi continuano ad attaccare e a rendersi pericolosi, trovando anche il gol del raddoppio: al 29′, su corner di Ilicic, stacco eccellente di Demiral che insacca e fa 2-0.

Al 42′ tiro centrale di Muriel, mentre al 44′ i Red Devils imbastiscono un’ottima azione in velocità con Bruno Fernades che verticalizza per Fred, che arriva davanti alla porta ma calcia alto. L’ultima occasione del primo tempo avviene alla fine dell’unico minuto di recupero, con l’imbucata di un ispirato Bruno Fernandes per Rashford che da buona posizione manda alto. Da segnalare le ottime prestazioni del difensore turco, che ha dovuto fare i conti anche un piccolo problema fisico, di Palomino e di Maehle.