Manchester United-Crystal Palace 1-3: Zaha corsaro, gli Eagles sono primi

Il Crystal Palace porta a casa la seconda vittoria, mentre il Manchester United paga caro le distrazioni difensive che vanificano il lavoro di tutta la squadra

Dopo la sconfitta nell’amichevole con l’Aston Villa, anche la prima giornata di Premier League non porta il risultato sperato al Manchester United. La vittoria 1-3 del Crystal Palace è un record per gli Eagles, che sono già alla seconda gara di campionato e grazie alle due vittorie portate a casa occupano il primo posto parimerito con l’Everton.

Pogba è in campo dal primo minuto dopo la quarantena che ha dovuto scontare per il Coronavirus; Luke Shaw è rientrato come titolare dopo l’infortunio alla caviglia. Fra i nuovi acquisti del Manchester United, van de Beek è convocato, ma inizia la gara dalla panchina.

Manchester United inconsistente in difesa, è la seconda sconfitta consecutiva

La prima rete del Crystal Palace arriva al 7′: Jeffrey Schlupp approfitta della poca consistenza difensiva del Manchester United e scende in profondità sulla fascia sinistra. Il cross trova pronto Andros Townsend che dalla breve distanza realizza lo 0-1. Nonostante le buone iniziative di Pogba e di McTominay, il primo tempo si chiude con il vantaggio degli ospiti. Nonostante il possesso palla rimanga tutto a favore del Manchester United, fino alla metà del secondo tempo solo il suggerimento di Fosu-Mensah a Greenwood è l’unica azione davvero pericolosa dei Red Devils.

Un tocco di mano del Manchester United viene controllato dal VAR, che assegna il rigore al Crystal Palace. La posizione irregolare del portiere De Gea fa ripetere il tiro a Wilfried Zaha, che non fallisce a segnare lo 0-2. Nel frattempo, Donny van de Beek entra in campo al 67′ in sostituzione di Pogba ed al 80′ realizza l’unico gol dell’incontro del Manchester United. È ancora Fosu-Mensah ad innnescare l’azione: la palla viene scambiata dra Sakho e Kouyate, per poi finire sui piedi di van de Beek che tira di forza per realizzare l’1-2. L’inconsistenza difensiva del Manchester United si fa sentire di nuovo quando al 85′ Zaha del Crystal Palace riesce a beffare Lindelöf. L’attaccante degli Eagles imposta un tiro rasoterra che va nell’angolino in basso a sinistra e chiude definitivamente la partita 1-3.

NOTIZIE PER TE

Atalanta, gioco e gol: questa è la Dea di Gasperini

Gioco, gol, agonismo e ricambi. Questa è la vera Atalanta. Questa è la squadra che lo scorso anno ha stupito tutta Italia e tutta Europa. Il modo giocare dei nerazzurri...

Inter, Conte non ci siamo: Shakhtar già decisivo

Dopo la sconfitta nel Derby contro il Milan, l'Inter incassa un'altra batosta inaspettata. E' vero, il punto strappato grazie all'ennesima ottima prestazione di Romelu Lukaku, lascia tutto ancora aperto...