Messi (Barcellona) @Image Sport
in

Messi-Barcellona, l’addio ora è lontano: Atletico nel mirino

Un inizio in sordina tra mille difficoltà poi la risalita e la vista sulla Liga. Lionel Messi e il Barcellona non si vogliono lasciare e insieme sono pronti ad esultare ancora: il titolo in Liga è un obiettivo ancora papabile, soprattutto con una Pulce così

Messi, dall’addio scontato alla permanenza a Barcellona

Soltanto fino a qualche mese fa la permanenza di Lionel Messi al Barcellona appariva come un’ipotesi irrealistica. Il rapporto ai minimi termini con la dirigenza, le difficoltà di una squadra senza anima e gioco, la campagna europea conclusa agli ottavi di finale sotto i colpi di Mbappé e dell’amico Neymar. Messi e il Barcellona non erano mai stati così distanti in oltre 17 anni di storia. Eppure, a domanda precisa, chi mai ammetterebbe di riuscire a vedere Messi con indosso una camiseta che non sia blaugrana? Lionel Messi è il Barcellona e, salvo colpi di scena, lo sarà per sempre.

Ronald Koeman, allenatore del Barcellona
Ronald Koeman, allenatore del Barcellona

Barcellona, inizio soft per Messi e Koeman

L’inizio di stagione del Barcellona è stato offuscato dalle voci sull’addio di Messi, con un solo anno di contratto rimasto e tanta incertezza sul futuro del Diez albiceleste. L’approdo di Ronald Koeman non ha facilitato certo la situazione. Il tecnico olandese si è dovuto approcciare ad una delle migliori squadre del mondo, in un momento complicato e con un lavoro da iniziare da zero. Dopo alcuni mesi di molto lavoro in allenamento e di qualche risultato negativo in campo, l’ex tecnico della Nazionale olandese ha finalmente visto i frutti del proprio orto nascere splendidamente. Il Barcellona, passato nel frattempo ad una difesa a 3, è tornato ad esprimere un calcio spumeggiante, fatto di possesso palla e verticalizzazioni veloci. Il tutto esaltato dalla ritrovata verve di Lionel Messi, il cui talento indiscutibile è tornato ad esaltarsi in funzione di tutta la squadra.

Messi (Barcellona) @Image Sport
Messi (Barcellona) @Image Sport

Messi sempre trascinatore: il Barcellona sogna il titolo

Ad aver fatto puntare il dito sul lavoro di Ronald Koeman al Barcellona è stata la campagna europea. Il netto KO con la Juventus al Camp Nou ha impedito ai blaugrana di ottenere un sorteggio più semplice, venendo poi eliminati dalla semifinalista PSG. In campionato però, la risalita del Barcellona, congiunta al calo dell’Atletico Madrid di Simeone, ha permesso a Messi e compagni di tornare prepotentemente in lizza per il titolo in Liga. A quattro giornate dal termine della contesa, il Barcellona si trova ad appena 4 punti dai Colchoneros primi in classifica, al terzo posto in coabitazione con il Real Madrid secondo.

Nell’ascesa dei catalani brilla senza dubbio la firma di Lionel Messi, trascinatore assoluto della squadra. Prima predicatore nel deserto, poi profeta da seguire fedelmente. Il numero 10 argentino sarà l’MVP della Liga, sia con il titolo che senza. Sono 28 i gol segnati in campionato, 36 totali in stagione, 11 gli assist, 14 in totale. Numeri da capogiro, per uno dei più grandi fuoriclasse della storia di questo sport, ancora in grado di stupire ed emozionare ad ogni tocco di palla, giunto ai 34 anni. 749 reti segnate in carriera lo elevano tra i migliori goleador di sempre. Il Barcellona sogna il titolo in Liga nonostante non sia padrone del proprio destino, ma con un Messi in questo status psico-fisico niente è impossibile. Adesso la sua permanenza sembra quasi certa, la Pulce non ha alcuna intenzione di mollare lo scettro di re di Barcellona.

Calciomercato Juventus, Sosa in ESCLUSIVA: "Bentancur? Un Gattuso con più tenica. Con Cavani sarebbe tutto più semplice"

Ruben Sosa in ESCLUSIVA: “Scudetto all’Inter? Bravo Conte. Per l’Europa serve Cavani”

Fabio Paratici (Juventus) @Image Sport

Calciomercato Juventus, Paratici punta un attaccante del Barcellona