Il grande Milan di Berlusconi e Sacchi ha divertito il mondo
in

Milan, 1 maggio 1988: la vittoria nel match scudetto con il Napoli

I rossoneri di Arrigo Sacchi, grazie al gol di Van Basten e alla doppietta messa a segno da Virdis vincono la gara del San Paolo di Napoli, che risulterà decisiva per la vittoria dello scudetto

I rossoneri battono i partenopei scavalcandoli in classifica e andando poi a vincere il titolo

Sicuramente in casa Milan la data di oggi, 1 maggio 2021, avrà un cerchietto rosso. Già, perché i rossoneri questa sera affronteranno il Benevento dell’ex attaccante e tecnico Pippo Inzaghi, in una sfida ad alta tensione per la corsa alla prossima Champions League, dopo le ultime due sconfitte con Lazio e Sassuolo. Ma, nella storia del club milanista, c’è un altro 1 maggio che evoca dolci ricordi. Era infatti il 1 maggio 1988: allo Stadio San Paolo di Napoli va in scena la sfida per la terz’ultima giornata di campionato tra i partenopei, che guidano la classifica del campionato, ed i rossoneri che inseguono praticamente attaccati. Una Serie A lunga in cui da una parte a brillare c’era la stella di Diego Armando Maradona e Careca, dall’altra invece c’erano i tre olandesi, Van Basten, Gullit e Rijkaard. Sulla panchina del Napoli sedeva Ottavio Bianchi, mentre su quella del Milan c’era Arrigo Sacchi.

Frank Rijkaard, Marco Van Basten e Ruud Gullit ai tempi del Milan
Frank Rijkaard, Marco Van Basten e Ruud Gullit ai tempi del Milan

Per il Milan a segno Van Basten e Virdis con una doppietta su assist di Gullit

La gara ovviamente fu molto sentita. Davanti a circa 90 mila spettatori, Pietro Paolo Virdis gelò il San Paolo portando in vantaggio i rossoneri. A fine primo tempo, però, con una delle sue magie su punizione Maradona riportò la sfida in parità. Nella ripresa si scatena Gullit: il fantasista olandese, infatti, prima manda in rete il bomber rossonero Marco Van Basten, poi di nuovo Virdis per la sua doppietta personale. Nel finale di gara il Napoli accorcia con il brasiliano Careca ma non basta: il Milan porta a casa la sfida e scavalca i partenopei in classifica. I rossoneri di Sacchi, poi, nelle ultime due gare di Serie A non andranno oltre due pareggi, con Juventus prima e Como poi, ma basterà comunque per portare a casa lo Scudetto viste le due sconfitte degli azzurri contro Fiorentina e Sampdoria. Questa data segnerà proprio un inizio nella leggenda rossonera: fu quello, infatti, il giorno in cui verrà celebrato per la prima volta il Milan di Sacchi, destinato ad arricchire negli anni la bacheca del club dell’allora Presidente Silvio Berlusconi.

Romelu Lukaku (Inter) @Image Sport

Crotone-Inter streaming gratis: la gara in DIRETTA LIVE

Marco Marchionni, attuale allenatore del Foggia

Marco Marchionni in ESCLUSIVA: “La Juventus è una corazzata. Pirlo? Secondo me…”