in

Milan, a centrocampo non ci siamo: Sandro Tonali scalpita

Sandro Tonali, nuovo centrocampista del Milan @imagephotoagency
Tommaso Pobega e Sandro Tonali, centrocampisti di Spezia e Milan @imagephotoagency

Il Milan di Stefano Pioli, attualmente, rimane al primo posto e ancora imbattuta nel campionato di Serie A. L’ attaccante svedese, Zlatan Ibrahimovic, riesce a trasportare, da non poche partite, l’intera squadra alla vittoria. Ma questo non è successo nell’ultima partita disputata contro l’Hellas Verona dove i rossoneri sono andati in svantaggio nei minuti iniziali, riuscendo a rimontare gli scaligeri solo nei minuti finali.

Il Diavolo ha sofferto la squadra di Juric soprattutto a centrocampo dove i vari Ismaël Bennacer e Hakan Çalhanoğlu hanno fornito una prestazione poco all’altezza rispetto alle prime uscite stagionali. Entrambi i calciatori sono stati il potenziale aggiunto di questo Milan, in grado di conquistare ben 24 risultati utili consecutivi tra la scorsa stagione e quella attuale.

La compagine di Pioli è riuscita a trovare nel centrocampista algerino, il regista che mancava da molto tempo, mentre l’ex Leverkusen si è finalmente messo in mostra a livello realizzativo. Purtroppo sia contro il Lille, sia contro il Verona hanno deluso le attese, motivo per cui nelle prossime gare i rossoneri potrebbero affidarsi al giovane talento, arrivato quest’anno dal Brescia, Sandro Tonali.

In questo campionato, il centrocampista originario di Lodi, ha ottenuto la maglia da titolare soltanto due volte, giocando meno rispetto ai suoi diretti concorrenti, ovvero Kessie e Bennacer. I tifosi del Milan sperano di vedere maggiormente in campo l’ex calciatore delle rondinelle, anche per verificarne la tecnica e l’intuizione con una squadra di livello. La decisione spetterà al tecnico rossonero ma Tonali scalpita dalla voglia di mettersi in mostra.

Vota Articolo

676 points
Upvote Downvote
Palermo-Catania, dopo 7 anni torna il derby della Sicilia

Palermo-Catania, dopo 7 anni torna il derby della Sicilia

Antonio Conte, allenatore dell'Inter @imagephotoagency

Conte, il paradosso è servito: l’Inter torna a fare paura, ma a se stessa