in

Milan, dai rinnovi al vice Ibrahimovic: tutti i nodi da sciogliere

Il mercato del Milan, partito con grande anticipo, attende la fine degli impegni internazionali: i rinnovi di contratto e la ricerca del vice Ibra sono le priorità del mercato rossonero

Paolo Maldini, responsabile dell'area tecnica del Milan (foto by @imagephotoagency)
Paolo Maldini, responsabile dell'area tecnica del Milan (foto by @imagephotoagency)

Milan, Pioli riparte dai punti fermi

Lasciata ormai alle spalle la questione Donnarumma e in attesa di sviluppi relativi alla situazione contrattuale di Hakan Calhanoglu, il Milan dovrà fare i conti ancora una volta con la questione rinnovi. Il direttore tecnico Maldini con Massara sono chiamati a giocare d’anticipo visto il recente passato e considerati alcuni giocatori i cui contratti andranno in scadenza nel 2022: Alessio Romagnoli, Simon Kjaer, Davide Calabria, Frank Kessie e Zlatan Ibrahimovic.

Se per Romagnoli sembra ormai inevitabile la cessione come riportato anche da Sport Mediaset, e se per Ibrahimovic si seguirà la stessa linea di pensiero adottata l’ultima stagione, tutti gli altri potrebbero rappresentare un problema da risolvere con urgenza. Si tratta infatti di tre giocatori fondamentali nelle gerarchie rossonere, praticamente insostituibili per il tecnico Stefano Pioli. L’obiettivo della dirigenza è quello muoversi in fretta per scongiurare un “Donnarumma bis” che, dalle parti di Milanello, potrebbe causare conseguenze indesiderate.

Paolo Maldini e Stefano Pioli, responsabile dell'area tecnica e allenatore del Milan
Paolo Maldini e Stefano Pioli, responsabile dell’area tecnica e allenatore del Milan

Milan, occhio al vice Ibra

Il ginocchio di Ibrahimovic tiene in pensiero tutti in quel di casa Milan. Come riportato qualche giorno fa anche da La Gazzetta dello Sport, la terapie non sta procedendo bene e il rischio di un’operazione si fa sempre più concreto per lo svedese. Ecco perché i rossoneri, che aspetteranno comunque la fine di giugno prima di fare ulteriori valutazioni, si starebbero guardando intorno. L’attaccante del Chelsea Olivier Giroud potrebbe non bastare ma, ammesso che arrivi, potrebbero servire ulteriori rinforzi per un reparto che troppo spesso nella scorsa stagione si è ritrovato in totale emergenza.

Negli ultimi giorni, sempre La Gazzetta dello Sport ha fatto il nome di Sardar Azmoun. L’attaccante iraniano dello Zenit San Pietroburgo, inizialmente indicato come alternativa a Giroud, ha il contratto in scadenza nel 2022 e la dirigenza rossonera starebbe continuando a seguirlo con grande interesse. Rimarrebbero sullo sfondo, ma più defilate, le piste che portano a Gianluca Scamacca e Andrea Belotti.

Sullo stesso argomento
Napoli, Younes ai saluti: il piano dell'Eintracht Francoforte