in

Milan, Ibrahimović continua la diatriba con Lebron: “La politica divide le persone, il calcio le unisce”

L’attaccante del Milan Zlatan Ibrahimović ha voluto ribadire il suo pensiero riguardo la presa di posizione dei giocatori su temi politici, continua la polemica con LeBron James

Zlatan Ibrahimovic, attaccante del Milan @Image Sport
Zlatan Ibrahimovic, attaccante del Milan @Image Sport

Continua la polemica tra Zlatan Ibrahimović e LeBron James. I due erano stati al centro di un botta e risposta a febbraio, nel quale lo svedese aveva sostenuto che gli sportivi non dovrebbero prendere posizione pubblicamente su argomenti politici, mentre LeBron James, uno degli sportivi più attivi e che è sempre pronto a schierarsi su temi politici, ha ribadito la propria posizione opposta.

Intervistato ai microfoni di France Football, l’attaccante del Milan è tornato sull’argomento; queste le sue parole: “Ho detto che non siamo politici. La politica divide le persone. Il calcio, nel mio mondo, unisce le persone. Grande differenza. Ho avuto la possibilità di incontrare e conoscere persone che non avrei mai conosciuto se non avessi giocato a calcio. Ho incontrato persone provenienti da tutti e quattro gli angoli del mondo. Uniamo le persone. I politici si dividono. Se volessi essere un politico, farei politica. Dovremmo fare solo ciò in cui siamo bravi. Sport e politica sono due categorie diverse. Se sei intelligente, capisci“.

L’attaccante svedese ha poi continuato: “Se io voglio prendere o meno una posizione non è una risposta. È qualcosa di relativo a ciò che facciamo e al messaggio che vogliamo lanciare. C’entra cosa fai e che messaggio vuoi mandare. Noi calciatori produciamo amore e gioia. Non puoi portare nel mondo le tue opinioni politiche. Non sono qui per mandare un cattivo messaggio alle persone. Sono qui per unire. Perché siamo bravi a farlo. Io sono bravo, sono bravo a calcio”.