in

Milan, il caso di Zlatan Ibrahimovic: con lui il Diavolo sta tornando grande

Zlatan Ibrahimovic, attaccante del Milan
Zlatan Ibrahimovic, attaccante del Milan

Può un giocatore cambiare completamente la fisionomia di una squadra? Molti risponderebbero che in uno sport corale come il calcio è impossibile che un singolo calciatore possa fare una tale differenza. Quando però si ha a che fare con campioni e fuoriclasse allora la risposta diventa affermativa.

Emblematico è il caso di Zlatan Ibrahimovic, tornato, a 39 anni suonati, al Milan dopo quasi 8 anni. Con lui la squadra cambia volto: l’anno scorso, dal suo arrivo, i rossoneri sono riusciti a raggiungere un’insperata qualificazione in Europa League e ora dominano la Serie A. Nessun tifoso si sarebbe aspettato un simile inizio di stagione da parte del Diavolo che non conosce più la parola sconfitta.

La chiave del successo risiede proprio nello svedese il quale sembra tornato giovane: 7 gol già in stagione e primo posto nella classifica dei marcatori. Un giocatore infinito che molti davano per finito soprattutto dopo l’esperienza in MLS. Per un Milan composto di giovani prospetti la sua figura è centrale e rappresenta il faro che le giovani leve devono seguire. Trasmette forza e sicurezza ad un gruppo che sta offrendo prestazioni di spessore.

I compagni di squadra lo adorano e Brahim Diaz, al termine della vittoria contro l’Udinese, celebra il gol dello svedese twittando: “Spettatore in prima fila dello show di Benjamin Button“. Una semplice battuta che però visti i numeri dell’attaccante, 17 gol dal suo ritorno in rossonero, non sembra poi così lontana dalla realtà. Solo altri due giocatori nella storia del Milan hanno segnato in sei partite di fila: Andriy Shevchenko (nel 2001) e lo svedese (nel 2012 e adesso).


Per campioni del genere il tempo sembra non passare mai. Ora lo svedese può contare un’esperienza ventennale nel calcio e riesce a prendersi tutta la squadra sulle spalle. Il Milan vuole continuare a sognare e con questo Zlatan Ibrahimovic può farlo: 10 vittorie su 11 partite con un solo pareggio, contro la Roma.

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Loading…

0

Vota Articolo

726 points
Upvote Downvote
Andrea Pirlo e Cristiano Ronaldo, allenatore e attaccante della Juventus @imagephotoagency

Juventus, ecco Ronaldo: riparte la marcia Champions

Coronavirus, il governo chiude i parchi. Sport? Solo in autonomia

Coronavirus, la strategia del Governo: si torna in lockdown?